Cronaca
Il servizio

#IoRestoaCasa, denunce online sul sito dei carabinieri

I carabinieri ricordano che sul sito è attiva una sezione per sporgere alcune tipologie di denunce in modo da limitare le uscite non necessarie

#IoRestoaCasa, denunce online sul sito dei carabinieri
Cronaca Chiavari - Lavagna, 15 Marzo 2020 ore 11:08

Per l’emergenza coronavirus, l’Arma dei Carabinieri ricorda che è a disposizione l’applicativo “DENUNCIA VI@ WEB“ per la presentazione online di denunce di smarrimento o di furto a opera di ignoti, che consente di limitare i tempi di attesa presso le caserme e, in generale, al di fuori della propria abitazione.

Entrando nel sito www.carabinieri.it si accede all’area Servizi per il cittadino e poi in Denuncia Vi@ Web. Qui si potrà selezionare la tipologia di denuncia, l’oggetto del furto o dello smarrimento e, quindi, avviare l’iter per inoltrare l’atto premendo il bottone “Inizia denuncia”.

I servizi offerti

Si possono sporgere denunce di smarrimento e di furto a opera di ignoti, relative ad armi, documenti,
targhe, titoli ed effetti (bancomat, assegni, etc.), veicoli. Una guida in linea aiuterà l’utente nella compilazione dei campi (quelli contrassegnati con * sono obbligatori), che compongono la denuncia on-line.

Al termine della procedura, il sistema rilascerà una ricevuta contenente un “codice identificativo” ed un “codice di attivazione” della denuncia, che dovrà essere presentato, entro 2 giorni, presso la Stazione prescelta o, per sopraggiunte esigenze, presso altro Comando Carabinieri. All’indirizzo di posta elettronica che verrà indicato, il Comando Carabinieri interessato invierà un messaggio di conferma, ovvero di rettifica, dell’orario e della data prescelti per recarsi in caserma e sottoscrivere l’atto, che assumerà così valore legale. Nella circostanza, sarà possibile effettuare anche eventuali modifiche e/o integrazioni alla denuncia.

Le denunce per altre tipologia di reato devono necessariamente essere presentate personalmente presso una qualunque Stazione Carabinieri, salvo che l’emergenza non sia tale da richiedere l’intervento – tramite chiamata al 112NUE – di una pattuglia.