La proposta del PD di Rapallo per rilanciare il mercato di piazza Venezia

"Il mercato giornaliero potrebbe rientrare in un percorso turistico ben definito"

La proposta del PD di Rapallo per rilanciare il mercato di piazza Venezia
Rapallo - Santa Margherita, 24 Gennaio 2020 ore 07:38

Il circolo PD di Rapallo si dice “stupito” nell’apprendere delle difficoltà in cui versa il mercato di Piazza Venezia e propone una maggiore sinergia tra amministrazione e associazioni del commercio.

Le dichiarazioni

“Purtroppo da tempo andiamo dicendo di come Rapallo sia una città con molte sofferenze, nonostante il “nostro” Sindaco si dia da fare per far credere che tutto vada bene! – spiega del segretario del Circolo Pd Gianluca Cecconi – Siamo vicini a chi ogni giorno con fatica cerca di portare avanti il suo lavoro ma siamo anche convinti che si debba cambiare la mentalità di fare commercio nella nostra cittadina.

Il mercato giornaliero può essere anche una risorsa per il turismo cittadino, quindi va mantenuto ed aiutato è un fatto però che chi vive del proprio stipendio in questo momento si trovi anche costretto a non poter fare a meno della “grande distribuzione” che ovviamente offre prodotti a costi minori, o delle vendite on line, convenienti e veloci.

Come PD siamo convinti che si debbano creare le condizioni perché Rapallo non perda il suo “tessuto” economico fatto di piccole attività, bisogna trovare i giusti compromessi.

Chiediamo quindi più sinergie tra Amministrazione e Associazioni del commercio e anche un ascolto diretto dei cittadini che tutti i giorni potrebbero usufruire di questi servizi.

Il mercato giornaliero inoltre potrebbe rientrare come in precedenza scritto, in un percorso turistico ben definito, altri banchi con anche prodotti diversi da frutta e verdura, vedi ad esempio: “ pesto, vini, miele..” prodotti tipici del territorio che interessano il turista.

Questa potrebbe essere una soluzione per rilanciarlo.

Il PD di Rapallo ritiene e auspica che la città non perda queste attività ma soprattutto che non diventi una città fantasma o peggio ancora solo dormitorio”.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: