Lavagna, messa in sicurezza della sponda dell'Entella

Lavagna, messa in sicurezza della sponda dell'Entella
Chiavari - Lavagna, 26 Settembre 2018 ore 10:39

Il Comune di Lavagna ripercorre le tappe relative all’iter del progetto inerente la messa in sicurezza del fiume Entella, la cui sponda è stata fortemente dissestata dagli eventi alluvionali del 2014.

Costo minimo presunto: 650.000 euro per un tratto di circa 220 metri

Gli interventi necessari per la messa in sicurezza del fiume Entella superano il costo di 600mila euro. Il costo dei lavori sara diviso tra Regione Liguria e Comune. Regione Liguria ha infatti accolto a fine 2017 la richiesta di finanziamento, assegnando un contributo di 420.000 euro; il Comune ha avviato la fase successiva, anticipando le somme necessarie per l’affidamento degli incarichi professionali ai fini della progettazione (ingegnere idraulico, geologo, agronomo, naturalista, impresa esecutrice delle indagini geognostiche). Inoltre, in collaborazione con gli enti gestori, si è provveduto alla verifica dello stato dei sottoservizi.

Il Comune fa sapere che ad oggi è in corso la progettazione definitiva dell’opera che dovrà individuare i lavori da realizzare, nel rispetto delle prescrizioni della Sovrintendenza per i beni archeologici, dei vincoli dati dal SIC (il fiume Entella è Sito di interesse comunitario), delle indicazioni proposte dagli enti gestori dei sottoservizi e delle ulteriori autorizzazioni richieste per legge. Le arginature dovranno essere realizzate con criteri di massima compatibilità ecologica, operando attraverso una progettazione integrata con gli aspetti naturalistici e applicando tutti gli accorgimenti idonei ad evitare di arrecare disturbo alle specie segnalate, prevedendo fermi biologici nei periodi più sensibili per queste ultime. Dopo l’approvazione del progetto definitivo, il cui iter autorizzativo è oltremodo complesso come sopra evidenziato, si procederà quanto prima alla redazione del progetto esecutivo ed alla gara d’appalto per l’affidamento dei lavori, stanziando i fondi necessari. Nel frattempo sarà cura del Comune mantenere in sicurezza l’accesso alla pista ciclabile.