Manifestazione antifascista a Sestri Levante

Prevista per il 4 febbraio una grande manifestazione organizzata dall'Anpi: invitati gli amministratori, chi parteciperà e chi cercherà di smarcarsi, in clima di campagna elettorale?

Manifestazione antifascista a Sestri Levante
Sestri - Val Petronio, 17 Gennaio 2018 ore 08:04

Il 4 febbraio una grande manifestazione antifascista a Sestri: invitati gli amministratori, chi si presenterà?

La manifestazione antifascista, fra legalità e politica

Si preannuncia, almeno nei piani dell'Anpi, una grande manifestazione quella organizzata per il prossimo 4 febbraio a Sestri Levante: contro tutti i fascismi, quelli esposti e quelli striscianti. L'iniziativa segue il terremoto che la mozione "antifascista" sestrese, che vieta la concessione di spazi pubblici ad eventi e manifestazioni di organizzazioni neofasciste, razziste, xenofobe ed omofobe, ha scatenato in tutta la Liguria: molti comuni hanno seguito l'esempio di Sestri con mozioni simili, molti altri no. Ed anzi proprio ieri, sia in consiglio a Genova che in Regione le maggioranze di centrodestra hanno fatto mancare il numero legale onde evitare di votare mozioni analoghe presentate e sostenute da Pd, Rete a Sinistra, M5S e le altre minoranze, scatenando proteste e cori di "Bella Ciao".

La manifestazione di Sestri, a cui l'Anpi ha invitato tutti gli amministratori, Bucci compreso, diventerà dunque un nuovo banco di prova per vedere chi aderirà e come: oltre al sostegno al Sindaco Ghio, destinataria di minacce fasciste dopo l'approvazione della discussa mozione, a pochi mesi da elezioni locali e nazionali il lato politico dell'evento può divenire un importante ago della bilancia elettorale ed una "trappola" per chi cerca di smarcarsi ed evitare di rispondere all'appello per non inimicarsi le frange più estremiste delle proprie coalizioni.