Rovegno

Marijuana e un arsenale di armi, indagini fra Chiavari ed entroterra

In seguito a un controllo i Carabinieri chiavaresi e di Rovegno hanno trovato una serra clandestina e armi detenute illecitamente a casa di una coppia

Marijuana e un arsenale di armi, indagini fra Chiavari ed entroterra
Valli ed entroterra, 05 Luglio 2020 ore 07:36

Una perquisizione domiciliare a Rovegno ha fatto emergere una serra clandestina di marijuana e diverse armi da fuoco illecitamente detenute: le indagini coinvolgono anche il chiavarese.

Marijuana e un arsenale di armi, indagini fra Chiavari ed entroterra

La coppia di Rovegno aveva già destato i sospetti dei Carabinieri chiavaresi, ma quando, assieme ai colleghi del borgo dell’entroterra, la donna è stata fermata per un controllo mentre stava rientrando a casa alla guida della propria auto ha dato il là alla perquisizione domiciliare. È stata infatti trovata in possesso di due spinelli, che hanno giustificato le ulteriori indagini: e infatti, in casa sua e del compagno, i militari hanno trovato una piccola serra di marijuana, 25 piante già adulte e pronte alla raccolta, ed altre appena piantate. Ma non solo: oltre a una rilevante quantità di denaro contante, 3.200 euro in banconote di vario taglio presumibilmente derivanti l’attività di spaccio, la cosa più preoccupante è stata il rinvenimento di un arsenale di armi da fuoco. Alcune legalmente detenute dall’uomo, un fucile automatico calibro 12, una doppietta calibro 12, un fucile sovrapposto calibro 12, tre carabine, una pistola e munizionamento di vario calibro, ma assieme a queste anche altre conservate illecitamente, due pistole ad avancarica prive di matricola, una baionetta ed una rivoltella.

La coppia è stata denunciata per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo di armi: senza misure di detenzione cautelare in quanto entrambi sono incensurati, ma gli accertamenti continuano, soprattutto riguardo quelle armi illecitamente detenute. Gli investigatori cercheranno di verificarne la provenienza e l’eventuale utilizzo recente, magari in reati avvenuti nel nostro territorio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità