Dopo Medioevo nel borgo, è la volta dell'addio al celibato del Conte Opizzo Fieschi: chi sarà?

Le immagini più belle di di Medioevo nel borgo svoltosi ieri sera domenica 12 a San Salvatore di Cogorno. Stasera si duplica con l'Addio du fantin

Dopo Medioevo nel borgo, è la volta dell'addio al celibato del Conte Opizzo Fieschi: chi sarà?
Chiavari - Lavagna, 13 Agosto 2018 ore 07:43

San Salvatore di Cogorno tra protagonisti della Settimana Fliscana: dopo Medioevo nel Borgo di ieri (del quale vi proponiamo le prime immagini), stasera è la volta dell'Addio do Fantin.

Un salto indietro nel tempo con Medioevo nel borgo

Grazie a Medioevo nel borgo e Addio do Fantin, San Salvatore di Cogorno si trasforma per due giorni in un luogo appartenente a un’altra epoca.
Ieri 12 agosto dalle 16 in poi, Medioevo nel borgo: un vero e proprio salto indietro nel tempo, più precisamente al ‘200 con botteghe, antichi mestieri, armi, danze e tiro con l’arco. E dalle 19 la sagra del Contado con stand gastronomici. Appuntamenti speciali della giornata sono stati alle 17 il Volo del falco e alle 18 La via del giullare. Alle 21 il teatro storico con “Lisistrata... donne per la pace” del Gruppo Artistico Teatrale di Moneglia.
In primo piano Arcieri e sbandiratori dei Sestieri, Carole di San Martino di Villastellome in provincia di Torino con il mercatino medievale, Falconieri, Ianna Tampe Giullaria con spettacoli di giorno.
«L'idea è di riproporre  un villaggio medievale - ha ricordato Marco Raffa giornalista e ideatore della manifestazione Medioevo nel Borgo - all’ombra della basilica di San Salvatore. Mentre all'Addio do Fantin assisti, a Medioevo nel borgo interagisci con quanto sta accadendo».

Ecco le prime foto scattate da Eddy Panzacchi:

6 foto Sfoglia la gallery

Stasera si replica con l'Addio do fantin: chi sarà il conte? Oggi la presentazione in Comune

Stasera 13 agosto, invece, sempre a San Salvatore di Cogorno torna uno degli appuntamenti più attesi. Quello con l’addio al celibato più celebre della storia: L’Addio do Fantin, giunto alla 36esima edizione. Da un’idea nata da Francesco Traldi, con il sindaco Giorgio Vignolo e la famiglia Albino.
Con la partecipazione di Accademia della Ciappa e dei Testaieu, Comune di Cogorno, Sestieri di Lavagna, Le Gratie d’Amore, Flos Duellatorum e Arcieri dei Sestieri.

Chi metterà le vesti del conte Opizzo Fieschi? Lo scopriremo oggi nel primo pomeriggio, quando sarà presentata in Comune la coppia, sposo e contessa Bianca De' Bianchi.