Moneglia

Milanesi, restate a casa…nostra!

La simpatica idea del monegliese “Levantino” rilanciata dalla stampa nazionale, simbolo di distensione e amicizia

Milanesi, restate a casa…nostra!
Sestri - Val Petronio, 08 Settembre 2020 ore 07:29

I rapporti fra liguri e “foresti”, in particolare milanesi, si sa, sono sempre proverbialmente difficili, anche se per lo più nei toni scherzosi del “gioco di ruolo” che non di una vera conflittualità.

Moneglia

Ma in quest’anno balengo purtroppo – e nemmeno del tutto ingiustificatamente – tensioni sono emerse sul serio: è passato appena qualche mese dal periodo di maggiore paura per il contagio da Coronavirus, che notoriamente ha visto la Lombardia esserne il principale focolaio in Italia, nel quale ci si è lasciati andare ad una certa frenesia da caccia all’untore. E poi il conflitto fra la necessità di rivitalizzare il comparto turistico, ferito gravemente dall’emergenza, e i comprensibili strascichi di questi timori. Ecco perché il simpatico – ma significativo – cartello esposto dal ristorante Levantino di Moneglia ha avuto occasione di fare il giro d’Italia, arrivando a colpire persino il governatore lombardo Attilio Fontana.

“Milanesi, restate a casa… nostra!”, in breve, è proprio il gioco di parole del cartello, in realtà esposto già da un mese ma negli scorsi giorni notato e ribattuto dalla stampa nazionale e appunto lombarda in particolare. Perché, scrivono i titolari, i milanesi “li vogliamo, anche se arrivano tardi, perché è stato difficile arrivare”, con evidente riferimento all’altro grande caos di questa anomala stagione turistica, quello autostradale.

“La Lombardia ha attraversato uno dei capitoli più difficili della sua storia, ma i liguri in queste settimane hanno saputo accoglierci con un gran cuore, grazie Liguria”, ha commentato sui social Fontana: e di questa accoglienza, complicata ma accorata, ecco diventare simbolo proprio Moneglia. E pure al netto di tutti i nostri mugugni, c’è da gioirne.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità