Movimenti franosi a Rocche di Ginestra, la denuncia

Preoccupano i cedimenti strutturali della strada pedonale di collegamento con via Monsignor Vattuone: presentata interrogazione a Sestri Levante

Movimenti franosi a Rocche di Ginestra, la denuncia
Sestri - Val Petronio, 10 Settembre 2018 ore 11:58

Sestri Levante: movimenti franosi a Rocche di Ginestra e cedimenti strutturali della strada pedonale di collegamento con via Monsignor Vattuone, arriva pronta la denuncia di Marco Conti.

"Da 15 anni un lento, ma progressivo movimento franoso"

"Da quasi 15 anni la frazione Rocche di Ginestra convive con un lento ma progressivo movimento franoso - afferma Marco Conti - tanto è vero che la cartografia al Piano di Bacino ha censito l'area in questione come PG4, ovvero frana attiva. Per anni la minoranza, in particolare il sottoscritto, si è adoperata per sollecitare le giunte Lavarello e Ghio a porre in essere interventi di consolidamento, che sono stati realizzati tra il 2014 e il 2016".

I residenti sono preoccupati per la scalinata pedonale che collega Rocche di Ginestra con via Monsignor Vattuone

Conti ricorda anche che tra il 2009 e il 2011 è stato costruito in via Palermo, ai piedi della collina, un parcheggio interrato e che tale intervento ha previsto il taglio del piede di una frana e la posa in opera di tiranti d’ancoraggio di parecchi metri all’interno di un versante in PG4 (frana attiva).  "E' dello scorso anno l'episodio di un distacco di alcuni massi dalla collina  - ricorda il consigliere d'opposizione - che hanno divelto la recinzione piombando sul parcheggio pubblico (ceduto al Comune come onere di urbanizzazione). Recentemente alcuni residenti della zona  mi hanno segnalato  con una certa preoccupazione che la scalinata pedonale che collega Rocche di Ginestra con via Monsignor Vattuone presenta delle profonde fenditure che si allargano sempre di più".

Le domande di Conti

Pertanto Conti ha  presentato un'interrogazione per sapere:

-se continuano ed essere effettuati i monitoraggi del versante e con quale esito, in caso negativo le motivazioni;

-quali verifiche e/o controlli sono stati effettuati alla scalinata pedonale e quali provvedimenti si intendono adottare per la tutela e l’incolumità dei residenti;

-se il parcheggio pubblico sottostante al versante, ceduto al Comune quale onere di urbanizzazione, garantisce uno standard di sicurezza adeguato agli utenti visto e considerato che lo scorso anno alcuni massi sono caduti dal versante sfondando la recinzione e precipitando sul parcheggio stesso.