Autostrade

Nuova chiusura del casello di Chiavari, ieri presidio di protesta della Lega

Garibaldi: "Oltre al danno pure la beffa, prevedere almeno gratuità pedaggi fino a Sestri Levante"

Nuova chiusura del casello di Chiavari, ieri presidio di protesta della Lega
Cronaca Chiavari - Lavagna, 13 Febbraio 2021 ore 07:48

Si è svolto ieri pomeriggio a Chiavari un presidio organizzato dalla sezione locale della Lega per protestare sulla gestione dei lavori in corso sull’autostrada A12 e per la mancata esenzione del pedaggio in tutta la tratta del Tigullio, fino a Sestri Levante.

Nuova chiusura del casello di Chiavari, ieri presidio di protesta della Lega

Presente all’iniziativa anche il consigliere regionale Sandro Garibaldi che ha presentato in consiglio regionale un ordine del giorno sui lavori autostradali in corso e sulle barriere antirumore, rimosse e mai sostituite e lunedì depositerà un’interrogazione per sapere con certezza la data di fine lavori.

“Oltre al danno pure la beffa. Secondo quanto risulta dal sito web di Aspi il casello di Chiavari riaprirà alle 8 di sabato per poi tornare a essere chiuso in entrata e in uscita dalle 7 di martedì 16 fino alle 6 di sabato 27. Si tratta di una nuova chiusura che è l’ennesima beffa di Autostrade per l’Italia in danno di famiglie e lavoratori del Tigullio, che da mesi sono costretti a subire forti disagi per i cantieri infiniti non soltanto nello svincolo di Chiavari, ma anche nel tratto autostradale dell’A12 che attraversa il nostro territorio. Ho partecipato alla manifestazione di protesta della Lega presso il casello di Chiavari, per cui ringrazio i militanti e il segretario cittadino Davide Micheli. Lunedì mattina depositeremo l’interrogazione in Regione Liguria per sapere con certezza la data di fine lavori e chiedere con forza che si preveda almeno la gratuità dei pedaggi fino al casello di Sestri Levante”, afferma Garibaldi.

“Oltre al danno subito dagli utilizzatori dell’autostrada A12, che da anni hanno a che vedersela con continui cambi di carreggiata, restringimenti e code (tante code) gli utenti chiavaresi e del Tigullio orientale devono subire anche la beffa dell’esenzione del pedaggio limitata alla tratta da Genova a Rapallo – dichiara Davide Micheli referente della Lega di Chiavari. Recentemente i disservizi sono aumentati, infatti, il casello autostradale di Chiavari per dei lavori sulla galleria “della Moranda” è chiuso da una settimana, e non si conosce con certezza la data di riapertura, obbligando l’utenza a recarsi a Lavagna per accedere all’autostrada. Ai chiavaresi, per ora, restano i lavori, le code, le chiusure e la citazione del principe della risata “E io pago” anche se parlando di autostrada da ridere c’è ben poco”, conclude Micheli.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli