Omicidio Craviasco, confermata la condanna a 30 anni per Claudio Borgarelli

Decapitò lo zio: i giudici hanno escluso la premeditazione e confermato la sussistenza dei futili motivi

Omicidio Craviasco, confermata la condanna a 30 anni per Claudio Borgarelli
Cronaca Valli ed entroterra, 15 Ottobre 2018 ore 16:44

La corte d’Assise d’Appello di Genova ha confermato la condanna a 30 anni per Claudio Borgarelli, l’infermiere che nel 2016 decapitò lo zio Albano Crocco,  68 anni, pensionato, nei boschi di Craviasco, Lumarzo. I giudici hanno escluso la premeditazione e confermato la sussistenza dei futili motivi: il nipote uccise lo zio perché non voleva che passasse sul suo terreno.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli