Omicidio di Chiavari, la pista dell’oro

Gli inquirenti indagano sui contatti ed affari del presente di Orazio Pino, l'orefice ed ex collaboratore di giustizia freddato martedì a Chiavari

Omicidio di Chiavari, la pista dell’oro
Chiavari - Lavagna, 27 Aprile 2019 ore 08:01

Proseguono le indagini sull’omicidio di Orazio Pino, pentito di mafia, avvenuto martedì scorso in un parcheggio di Chiavari. E se, naturalmente, non si abbandona quella relativa al suo passato di collaboratore di giustizia e pentito di mafia, come riporta ampiamente il Secolo XIX di oggi si esamina anche il presente dell’uomo, la sua attività e contatti di orefice, anche al netto della burrascosa separazione con l’ex compagna e socia Adriana Hernandez Escobar, che nei confronti di Pino aveva sporto una denuncia (poi archiviata) e che, ha riferito, da lui riceveva frequenti minacce. Sulla donna, il fratello e nuovo compagno di lei, fra gli altri, è stato effettuato lo stub – l’esame per cercare tracce di polvere da sparo, che lascia residui dopo l’eventuale uso di un’arma da fuoco – per cui ora si attendono i risultati: e, secondo le dinamiche ricostruite, si rafforza anche l’ipotesi che a compiere il delitto possa non essere stato un killer solitario bensì più persone, uno scenario che appare più compatibile, al momento, agli inquirenti. I legali della vittima, da canto loro, escludono che attraverso il negozio d’oreficeria Orazio Pino potesse aver imbastito dei traffici illeciti: questo in quanto, pur non essendo più all’interno del programma di protezione da pentito, l’uomo era ancora controllato dalle Forze dell’Ordine e sottoposto all’obbligo di firma: uno scenario complicato in cui imbastire qualsiasi attività illecita. Ma tutte le ipotesi, al momento, restano percorribili.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità