Chiavari

Operazione antidroga “Il Profeta”: pioggia di arresti e denunce tra Chiavari e Lavagna

Abbigliamento firmato, fiumi di champagne e soprannome biblico, pur dormendo di fatto “sotto i ponti”: e il capobanda si vantava di tali vezzi sui social network

Operazione antidroga “Il Profeta”: pioggia di arresti e denunce tra Chiavari e Lavagna
Cronaca Chiavari - Lavagna, 16 Gennaio 2021 ore 15:41

Quattro custodie cautelari in carcere, 3 arresti in flagranza di reato e 21 deferimenti per spaccio di sostanze stupefacenti, altre 4 denunce per furto e ricettazione, 28 deferimenti all’autorità amministrativa per “uso personale”, nonché il sequestro di circa 6 kg di stupefacente tra hashish, marijuana e cocaina. Questo è il bilancio dell’operazione denominata “Il Profeta” condotta dagli agenti del Commissariato di Chiavari a partire dal febbraio 2020, che si è conclusa con l’esecuzione di quattro custodie cautelari emesse a carico di tre marocchini di 17, 20 e 21 anni e un 22enne afgano.

Operazione antidroga “Il Profeta”: pioggia di arresti e denunce tra Chiavari e Lavagna

L’attività, sin dai suoi primi passi, ha fatto risaltare la figura del 20enne magrebino che si avvaleva della collaborazione degli altri due connazionali e che aveva come base operativa un appartamento del centro storico di Lavagna. Il giovane capo del gruppo si faceva chiamare con un nome biblico e aveva il vezzo di indossare esclusivamente capi di abbigliamento firmati e scarpe all’ultima moda, dai colori particolarmente sgargianti, nonché di pasteggiare abitualmente a champagne, pur dormendo di fatto “sotto i ponti” secondo una singolare filosofia di vita, segnata dalla ricerca di libertà da vincoli. Filosofia che divulgava nei suoi post sui social, in particolare su Instagram, nei quali, oltre a pubblicizzare la sua attività, pubblicava fotografie che lo ritraevano con mazzette di banconote, champagne e ingenti quantitativi di droga.

L’abitazione era diventata, nei mesi, il punto di riferimento per numerosi giovani della zona, anche minorenni, ai quali il trio offriva la scelta tra cocaina, hashish e marijuana. Nel periodo di lockdown, il giovane marocchino si era anche organizzato per la consegna a domicilio, infatti alcuni acquirenti, in cambio della sostanza stupefacente, si prestavano a fare da corrieri per i clienti dei vicini comuni di Chiavari, Lavagna e Sestri Levante.

Durante l’indagine che è durata alcuni mesi, sono finiti nella rete della Polizia altri 21 pusher, tutti deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di spaccio. Nel corso dell’attività sono stati sequestrati oltre 6 chilogrammi di sostanza stupefacente e sequestrato parecchio denaro provento dello spaccio. I poliziotti hanno accertato anche che i tre magrebini, in un breve lasso temporale, si erano resi responsabili di alcuni furti in abitazione e della ricettazione di alcuni motoveicoli che utilizzavano per gli spostamenti per svolgere la loro attività illecita di spaccio.

Nota peculiare è che, durante gli accertamenti, gli investigatori hanno rinvenuto, tra i file contenuti nel telefono cellulare di uno dei pusher, delle fotografie scattate all’interno di una delle abitazioni oggetto di furto. Fotografie rinvenute all’interno del cellulare del Profeta che lo stesso usava per vantarsi della sua attività.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli