chiavari

Parte domani il Salone dello Studente -Tigullio 2020

Una versione digitale aperta a tutti

Parte domani il Salone dello Studente -Tigullio 2020
Cronaca Chiavari - Lavagna, 30 Novembre 2020 ore 17:30

Un’edizione virtuale per il Salone dello Studente – Tigullio 2020. Quest’anno il consueto appuntamento con l’orientamento del Tigullio si svolgerà online, sul sito istituzionale del Comune di Chiavari www.comune.chiavari.ge.it, dove sarà possibile accedere, tramite un’apposita sezione in homepage, ad uno spazio digitale riservato ai vari istituti e licei del comprensorio. Dal 1 dicembre al 15 giugno 2021, entra, guarda e scopri un mondo dedicato alla formazione scolastica.

Ogni istituto mette a disposizione un ventaglio di informazioni e opportunità per far conoscere la propria struttura, facilitando il percorso di scelta degli studenti di terza media: dagli incontri online (su prenotazione) con docenti e studenti, alle lezioni aperte e workshop, ai colloqui individuali e visite su prenotazione. Presente anche un collegamento diretto al saloneorientamenti.it di Genova, per scoprire l’offerta regionale e quella universitaria.

Coinvolti l’Istituto Fortunio Liceti, il Liceo Artistico Emanuele Luzzati, l’Istituto Giovanni Caboto, l’Ente di formazione professionale Forma, l’Istituto In Memoria dei Morti per la Patria, l’Istituto Bernardo Marsano, il Liceo G. Da Vigo Nicoloso, l’Istituto Marco Polo, l’Accademia del Turismo, il Liceo Marconi Delpino, il Liceo Gianelli Campus e il Liceo ed Istituto Natta De Ambrosis.

«Un progetto importante per tutti i ragazzi che stanno frequentando l’ultimo anno di scuola secondaria di secondo grado, soprattutto in un momento storico segnato dall’emergenza legata al coronavirus. Il Salone online fornisce loro la possibilità di scegliere, in sicurezza grazie ad uno strumento digitale, il percorso di studi da intraprendere per coronare i loro sogni e per coltivare la speranza per il loro futuro – spiega Fiammetta Maggio, assessore all’istruzione e promotrice dell’iniziativa – Grande spazio agli istituti professionali del territorio, anche alla luce delle rilevanti percentuali di assunzione dei loro diplomati a fine corsi: un’opportunità da cogliere per la crescente richiesta di personale qualificato proveniente dal mondo delle imprese».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità