Rapallo

Porto Carlo Riva, chiusa inchiesta sulla diga crollata

Sono 2 le persone indagate, il progettista della struttura e il dirigente del Genio civile 

Porto Carlo Riva, chiusa inchiesta sulla diga crollata
Cronaca Rapallo - Santa Margherita, 02 Febbraio 2021 ore 15:50

Sono 2 le persone indagate per la mareggiata che il 30 ottobre 2018 devastò la diga di Rapallo provocando il naufragio di 225 imbarcazioni di lusso tra le quali anche lo yacht di Pier Silvio Berlusconi. Si contarono danni per milioni di euro. A oltre 2 anni di distanza, la diga non è ancora stata rifatta e il porticciolo è ancora impraticabile agli yacht.

Sono 2 le persone indagate, il progettista della struttura e il dirigente del Genio civile

Il procuratore aggiunto Paolo D’Ovidio e il pm Walter Cotugno hanno chiuso le indagini nei confronti del progettista della struttura, Ernesto La Barbera e per il dirigente del Genio civile Alessandro Pentimalli. Le accuse sono di disastro colposo e naufragio. Secondo l’accusa, i lavori di rinforzo a cui la diga era stata sottoposta poco tempo prima della mareggiata avrebbero avuto difetti nella progettazione e non vi sarebbero state le prescrizioni tecniche e la vigilanza da parte del Genio civile. A Rapallo, le onde in certi momenti avevano avuto picchi di 10 metri di altezza abbattendo completamente la diga del porto turistico Carlo Riva. La forza dell’acqua causò la rottura degli ormeggi di centinaia di imbarcazioni finite poi sulla spiaggia, sulle scogliere del lungomare e su quelle che proteggono l’antico castello. Era poi nata una seconda indagine sullo smaltimento dei relitti e dei rifiuti che aveva portato anche a misure cautelari nei confronti dei vertici della società che si occupava del porto e di un imprenditore legato a clan camorristici.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli