Cronaca
Campagna vaccinale

Prime dosi, 4mila somministrazioni in tre giorni

Toti: "I cittadini, di fronte al Green pass rafforzato e a un virus che circola in maniera sostenuta, stanno aderendo sempre di più alla campagna vaccinale"

Prime dosi, 4mila somministrazioni in tre giorni
Cronaca 09 Dicembre 2021 ore 09:34

“Negli ultimi 3 giorni, da domenica 5 dicembre a martedì 7, sono state quasi 4mila le prime dosi somministrate un Liguria, per la precisione 3.984; martedì siamo arrivati a 1.811 prime dosi, il dato più alto da diversi giorni: segno che i cittadini, di fronte non solo al Green pass rafforzato, ma anche a un virus che circola in maniera sostenuta, stanno aderendo sempre di più alla campagna vaccinale. Nelle ultime 24 ore sono state complessivamente 11.248 le dosi di vaccino somministrate, e questa mattina abbiamo superato il 50% dei residenti over 80 vaccinato con dose booster”.
Così il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, che fa il punto sulla situazione Coronavirus e vaccini nella nostra regione.
“Voglio sottolineare – aggiunge Toti – che rispetto a numeri importanti di nuovi contagiati la crescita del numero dei pazienti nei nostri ospedali è esigua. Se andiamo avanti con una campagna vaccinale così imponente come quella che stiamo portando avanti in queste ultime giornate credo che arriveremo al picco di questa quarta ondata con danni tutto sommato contenuti. Oggi sono 27 le persone ricoverate in terapia intensiva, 23 delle quali non vaccinate. Un dato che sottolinea come il vaccino sia necessario per uscire dalla pandemia: l’anno scorso, alla stessa data di oggi, senza le vaccinazioni, erano ben 91 i ricoverati nelle terapie intensive della Liguria”.
“Crescono anche le dosi booster somministrate: da domenica a ieri sono state più di 28mila, per la precisione 28.159. Nella giornata di ieri – conclude Toti - anche su questo fronte, si è raggiunto un numero elevato di somministrazioni, 13.726, il più alto da diversi giorni. Sono 438.565 le prenotazioni totali per la dose booster, di cui già più di 20mila per la fascia tra i 18 e 39 anni”.