Progetti a Zoagli, la Regione boccia e promuove alcuni lavori

Bocciato l’approdo e parte della passeggiata per Rapallo

Progetti a Zoagli, la Regione boccia e promuove alcuni lavori
Rapallo - Santa Margherita, 01 Aprile 2018 ore 15:53

Primo parere della Regione sul Puc. Pubblicata ufficialmente nell'apposito sito della Regione, la relazione valutativa sullo schema del Piano Urbanistico Comunale e il Rapporto Preliminare di Valutazione Ambientale. Pareri anche di Città metropolitana, Arpal e Soprintendenza.

Progetti a Zoagli, la Regione boccia e promuove alcuni lavori

Bocciato l’approdo e parte della passeggiata per Rapallo. La Regione evidenzia necessità di verifica nell'area della Valle del Carchea e quella a monte della galleria del Castellaro sull'Aurelia e l'incompatibilità del nuovo approdo. Sul fronte della biodiversità, si ricorda che il Comune è interessato dalla presenza del Sic, Sito di Interesse Comunitario: Rio Tuia Montallegro, gestito dal parco di Portofino, a monte e, a mare, dal Sic, ‘Fondali del Golfo di Rapallo’ il cui habitat: “prioritario – si legge – è costituito dalla prateria di Posidonia Oceanica, soggetto alle norme del Piano di Tutela dell'Ambiente Marino costiero regionale”. È presente, inoltre, parte della Rete Ecologica Regionale (corridoi ecologici per specie di ambiente boschivo, acquatico).

Emerge il rischio di creare critiche interazioni per siti e habitat, i cui effetti vanno mitigati e si fa riferimento alla previsione di viabilità minore di collegamento tra Semorile e il nucleo abbandonato di Sexi, ma soprattutto all'approdo. ‘Si evidenzia il contrasto della previsione con il regime della conservazione della fascia costiera – scrive la Regione -: per quanto di ridotte dimensioni, snaturerebbe il delicato equilibrio esistente tra gli elementi naturali e antropici del litorale. Anche il fondale accidentato e la particolare esposizione al moto ondoso del sito, richiederebbero opere marittime di notevole rilevanza che potrebbero condizionare anche la fattibilità economica dell'intervento’.

L'ente chiede, poi, approfondimenti per il documento finale e sulla passeggiata per Rapallo: ‘La fattibilità – scrive – è condizionata, tra le altre cose, anche dal Piano di Tutela dell'Ambiente Marino Costiero, che non consente l'attraversamento della falesia’. Per la Soprintendenza Vincenzo Tinè evidenzia l'opportunità di procedure di valutazione archeologica preventiva. In base alle indicazioni ricevute, il Comune può procedere alla stesura del progetto completo del Puc, da portare finalmente per l'adozione in consiglio.