Menu
Cerca
Recco

Recco, cassonetti bloccati per impedire il banchetto dei cinghiali nell’immondizia

L'operazione è stata portata a termine in via Ansaldo, via Montefiorito e all'incrocio con via Castello

Recco, cassonetti bloccati per impedire il banchetto dei cinghiali nell’immondizia
Cronaca Golfo Paradiso, 06 Giugno 2020 ore 14:54

È a buon punto l’operazione voluta dal sindaco di Recco Carlo Gandolfo e dall’assessore all’ambiente Edvige Fanin per rendere a prova di cinghiale i bidoni utilizzati per la raccolta dei rifiuti organici.

Recco, cassonetti bloccati per impedire il banchetto dei cinghiali nell’immondizia

Per impedire che intere famiglie di ungulati banchettino tra i sacchetti dell’immondizia è stato adottato l’efficace sistema dei bloccaggi metallici di fissaggio dei contenitori dell’umido, portato a termine nelle isole ecologiche di via Ansaldo, via Montefiorito e all’incrocio tra via Montefiorito e via Castello. L’ufficio ambiente ha provveduto, in collaborazione con l’ufficio manutenzione e sotto la supervisione dell’assessore Caterina Peragallo, a “incatenare” i bidoni nelle postazioni più critiche, proprio per impedire i raid notturni dei cinghiali.

L’appuntamento quasi quotidiano dei cinghiali con cassonetti hanno obbligato gli operatori del servizio di igiene urbana a un lavoro ulteriore, con l’incremento dei costi per tutta la comunità. La fauna selvatica sta girando indisturbata in tutto l’entroterra, avvicinandosi con facilità alla costa e quindi alle abitazioni. Con l’emergenza Coronavirus la situazione a Recco è peggiorata perché i cinghiali sono stati indisturbati, e liberi di proliferare, a causa del blocco delle attività di contenimento. “I cittadini possono darci una mano – dicono il sindaco Gandolfo e l’assessore Fanin – per mitigare un fenomeno difficile da debellare. Proviamo tutti a rispettare le regole di conferimento rifiuti, evitando nel modo più assoluto di abbandonare i sacchetti con residui di cibo fuori dagli appositi contenitori”.

In questi giorni è partita anche una campagna di sfalcio delle strade pedonali. L’operazione di pulizia ha interessato Salta San Francesco, Salita Bastia, Salita Romagneno. “Il programma prevede interventi su tutto il territorio comunale – spiega l’assessore Caterina Peragallo – l’obiettivo degli sfalci in generale riguarda la sicurezza pedonale e va certamente e migliorare il decoro urbano”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli