Levante

Rifiuti, Bucci disponibile al dialogo con i sindaci del Levante

Sul tema sono intervenuti anche i Giovani democratici del Tigullio

Rifiuti, Bucci disponibile al dialogo con i sindaci del Levante
Cronaca Rapallo - Santa Margherita, 21 Gennaio 2021 ore 10:30

Sul progetto della Città metropolitana di Genova di estendere al Levante la gestione di Amiu, in materia di gestione del ciclo dei rifiuti, c’è da registrare l’apertura al dialogo del sindaco metropolitano Marco Bucci. Ieri il primo cittadino di Genova, infatti, ha votato l’ordine del giorno (proposto da Carlo Bagnasco, Antonio Segalerba, Marco Conti, Guido Guelfo, Agostino Bozzo e Andrea Rossi, e lo ha sottoscritto anche Elio Cuneo che, dalla minoranza, ne aveva già depositato un altro simile) che il consiglio metropolitano ha approvato all’unanimità e che lo impegna ad un confronto con i sindaci del Tigullio, del Golfo Paradiso e dell’entroterra. Secondo Bagnasco, “è di fondamentale importanza che un tema che tocca così da vicino la vita quotidiana dei cittadini sia affrontato ascoltando la voce dei territori”.

Sul tema sono intervenuti anche i Giovani democratici del Tigullio

Sull’appalto unico dei rifiuti che Bucci vorrebbe affidare ad Amiu, per tutto il Levante, per 15 anni, sono intervenuti anche i Giovani democratici del Tigullio. “Si tratta di una decisione gravissima, che calpesta in modo inaccettabile i territori e le loro specificità – dicono – inoltre riteniamo inaccettabile che, nonostante la richiesta, pressoché unanime, da parte degli amministratori locali di un coinvolgimento concreto nelle scelte relative all’attribuzione del servizio, da parte del sindaco Bucci si risponda in modo arrogante, reiterando una volontà di sottomissione del nostro territorio che non può essere tollerata. Ci aspettiamo che la monolitica unità d’intenti manifestatasi in questi giorni negli incontri tra i sindaci del Tigullio si mantenga tale, poiché su questioni così delicate e cruciali ogni tipo di imposizione dev’essere rispedita al mittente, lasciando da parte l’appartenenza politica e mettendo al centro l’interesse dei cittadini e del territorio che non devono subire le conseguenze di decisioni scellerate assunte da altri”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli