Cronaca
anniversario

Santo Stefano d’Aveto: ricordato il sacrificio del Car. Albino Badinelli nel 77mo anniversario della morte

Un esempio di eroismo e testimonianza cristiana

Santo Stefano d’Aveto: ricordato il sacrificio del Car. Albino Badinelli nel 77mo anniversario della morte
Cronaca Valli ed entroterra, 03 Settembre 2021 ore 09:02

Nel pomeriggio di giovedì 2 settembre, ricorrendo il 77mo anniversario della fucilazione, l’Arma dei Carabinieri e la Comunità di Santo Stefano d’Aveto hanno fatto memoria di Albino Badinelli, M.O.M.C.

Chi è intervenuto

Alla cerimonia, celebrata anche quest’anno in forma più semplice per rimanere in sintonia con le norme sanitarie di prevenzione, sono intervenuti il Col. Gianluca Feroce, Comandante Provinciale dei Carabinieri di Genova, il Sindaco di Santo Stefano d’Aveto Giuseppe Tassi e il nipote dell'eroe Vittorio Mazza. Erano rappresentati anche la Compagnia Carabinieri di Sestri Levante, con il Cap. Luca Emilio Mechilli, e il "Comitato Albino Badinelli", con il Presidente Don Tommaso Mazza.

L0eroismo e la testimonianza cristiana di Albino

Dopo la deposizione delle corone davanti alla lapide che ricorda la fucilazione e la lettura della motivazione della Medaglia d’oro, Don Bruno Mollicone, Cappellano della Legione Carabinieri Liguria, ha guidato un momento di preghiera e impartito la benedizione. Il Sacerdote ha ricordato l’importanza del fare memoria di Albino, non solo per il suo eroismo, ma anche e soprattutto per la testimonianza cristiana che ha vissuto fino al martirio.

Cosa accadde il 2 settembre

Il 2 settembre del 1944, infatti, rispondendo ad un ordine perentorio del Maggiore Cadelo, in cui si diceva che se tutti gli sbandati e i renitenti alle armi non si fossero presentati presso la Casa del Fascio di Santo Stefano d’Aveto, avrebbe fatto fucilare 20 ostaggi e incendiato il paese, Albino Badinelli raggiunse spontaneamente il comando, presentandosi a Cadelo. Quest’ultimo appena seppe che era un carabiniere lo considerò un disertore e lo condannò immediatamente a morte tramite plotone di esecuzione. Chiesto di potersi confessare – cosa che gli fu negata –, ebbe tuttavia la possibilità di confidarsi con monsignor Giuseppe Monteverde che, avvertito da un ragazzo, lo aveva raggiunto presso la Casa del Fascio. Il sacerdote ascoltò le sue ultime volontà, lo benedisse raccomandandolo alla Vergine di Guadalupe e gli consegnò un crocefisso. Accompagnato dal monsignore fu portato nei pressi del cimitero e posto di spalle contro il muro fu immediatamente fucilato. Poco prima di ricevere la scarica mortale esclamò, baciando il crocifisso: “Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno!” Il corpo fu lasciato esposto per ordine di Cadelo, a monito per la popolazione, ma venne trafugato da alcuni paesani guidati da monsignor Casimiro Todeschini, e posto su una scala di legno fu trasportato a spalla fino ad Allegrezze dove venne sepolto dal locale parroco monsignor Primo Moglia nel cimitero, dopo un breve rito funebre.

 

7 foto Sfoglia la gallery