Cronaca
la spezia

Scoperti 820 colli industriali con etichettatura mancante

Il controllo ha riguardato una partita proveniente dalla Repubblica Popolare Cinese e destinata a una storica impresa tessile pratese, attualmente di proprietà di un cittadino cinese.

Scoperti 820 colli industriali con etichettatura mancante
Cronaca Chiavari - Lavagna, 25 Luglio 2022 ore 12:39

820 colli di inchiostri industriali per un valore di circa 50.000 euro e destinata a tinture nell’industria tessile, si sono rivelati mancanti della corretta etichettatura come previsto dal Regolamento (CE) n. 1272/2008 nel corso delle verifiche sulla merce in importazione, effettuate dai Funzionari della Sezione Antifrode e Controlli dell’Ufficio delle Dogane della Spezia, in collaborazione con il locale Comando della Guardia di Finanza.

L'operazione

Il controllo ha riguardato una partita proveniente dalla Repubblica Popolare Cinese e destinata a una storica impresa tessile pratese, attualmente di proprietà di un cittadino cinese. La merce non riportava le necessarie informazioni e pittogrammi previsti per tali prodotti, relativi alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele.

A seguito della regolarizzazione delle etichette - con inserimento delle informazioni obbligatorie per legge – alla parte è stata consentita la commercializzazione. Al titolare della Società è stata, inoltre, contestata una sanzione amministrativa pecuniaria per un importo compreso tra 15.000 euro e 90.000 euro.

L’etichettatura dei prodotti chimici è regolata dal Regolamento (CE) denominato CLP – Classification, Labelling and Packaging con l’obiettivo di garantire la libera circolazione sul territorio unionale di prodotti chimici la cui composizione sia nota e la cui eventuale pericolosità sia correttamente comunicata ai consumatori attraverso un sistema di etichettatura e di schede di sicurezza.

Anche in questo campo l’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli garantisce, in sinergia operativa con le aliquote specialistiche della Guardia di Finanza, il controllo dei confini mantenendo una stretta vigilanza sull’introduzione in Europa dei prodotti chimici.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter