Menu
Cerca
Caro Babbo Natale vorrei...

Scrivi una letterina a Babbo Natale e doni un pasto al Banco Alimentare

Per ogni letterina che invierete, Il Nuovo Levante donerà a Banco Alimentare un contributo per distribuire 500 grammi di alimenti a chi è in difficoltà: ultimi 10 giorni per partecipare

Scrivi una letterina a Babbo Natale e doni un pasto al Banco Alimentare
Cronaca 10 Dicembre 2020 ore 14:26

Il Gruppo Netweek e Il Nuovo Levante, in collaborazione con il Banco Alimentare, proseguono la nuova e grande iniziativa editoriale solidale con “Caro Babbo Natale, vorrei…”

Iniziata il 16 novembre e sino al 20 dicembre 2020, tutti, grandi e piccini, potranno scrivere una letterina a Babbo Natale per raccontare un sogno, un pensiero, un desiderio che portano nel cuore.

Un pasto per chi è in difficoltà

Per ogni letterina che invierete, Il Nuovo Levante donerà a Banco Alimentare un contributo per distribuire 500 grammi di alimenti a chi è in difficoltà pari a 1 pasto (stima adottata dalla European Food Banks Federation).

Scrivi e fai del bene!  Che tu sia grande o piccino non importa, scrivi la tua letterina a Babbo Natale e inviala gratuitamente, dal 16 novembre al 20 dicembre, andando sul sito internet dedicato carobabbonatalevorrei.it, scegliendo la testata Il Nuovo Levante.
È semplicissimo e non costa nulla, se non un attimo di tempo per fare del bene.

www.carobabbonatalevorrei.it

Fallo sapere a tutti! Considerato l’intento solidale dell’iniziativa, oltre a tutti i componenti della tua famiglia, anche i più piccini, fallo sapere (e fare!) anche ad amici, parenti, compagni di scuola, insegnanti o colleghi di lavoro.
Più letterine verranno inviate e più persone aiuteremo insieme!

Sul giornale

Le letterine più emozionanti e sincere verranno anche pubblicate su Il Nuovo Levante nel mese di dicembre, prima di Natale!

Banco Alimentare In Italia ogni anno il 15% della produzione alimentare viene sprecata. La fondazione Banco Alimentare, anche nel Levante, combatte ogni giorno lo spreco alimentare. Recupera le eccedenze da molteplici donatori della filiera agroalimentare, riducendo lo spreco e dando agli alimenti ancora buoni nuova vita. Banco Alimentare dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti che sarebbero destinati alla distruzione perché non più commercializzabili. Salvati dallo spreco, riacquistano valore e diventano risorsa per chi ha troppo poco. Gli alimenti recuperati sono distribuiti gratuitamente a 7.500 strutture caritative convenzionate con le organizzazioni Banco Alimentare territoriali consentendo loro di fornire aiuto alimentare a 1.500.000 persone in Italia.
La prossima colletta alimentare è in programma dal 21 novembre all’8 dicembre 2020 nei supermercati del Levante ligure aderenti all’iniziativa.

Per informazioni www.bancoalimentare.it

Per informazioni sul nostro progetto scrivi a carobabbonatalevorrei@netweek.it.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli