Cronaca

Sei anni all'ex direttore delle Entrate di Genova Walter Pardini

Era stato arrestato ad aprile fuori dal ristorante Manuelina di Recco. Colto mentre intascava una tangente di 7.500 euro

Sei anni all'ex direttore delle Entrate di Genova Walter Pardini
Cronaca Golfo Paradiso, 18 Dicembre 2017 ore 15:35

Tangenti, Walter Pardini (nella foto), ex direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Genova, è stato condannato a 6 anni. La sentenza, con rito abbreviato, è stata emessa dal gup Franca Borzone.

Dovrà pagare anche una provvisionale di 50mila euro. Gli altri condannati

Pardini, oltre ad essere stato condannato a 6 anni, dovrà anche pagare una provvisionale di 50mila euro. Oltre a lui, condannati a 4 anni il commercialista Francesco Canzano (difeso dall'avvocato Paolo Scovazzi) e a 3 anni il collega genovese Stefano Quaglia (l'unico a non essere stato arrestato). L'avvocato Luigi Pelella e il commercialista Massimo Alfano hanno invece patteggiato 3 anni e sei mesi di carcere.

La vicenda: colto in flagrante dalla Finanza dopo una cena alla Manuelina di Recco

Ma perché la condanna? Pardini era stato arrestato a Recco nella serata di lunedì 10 aprile: era stato colto in flagrante dalla Guardia di Finanza, al termine di una cena effettuata presso il ristorante Manuelina di Recco, mentre intascava una tangente di 7.500 euro ed era stato  accusato di corruzione. I soldi servivano a favorire una transazione favorevole alla Securpol riguardante un debito di venti milioni di euro che tale società, operante nel settore della vigilanza privata, ha col Fisco. Con la medesima accusa, erano stati tratti in arresto anche i tre consulenti della Securpol che hanno consegnato a Pardini la «bustarella»: l’avvocato Luigi Pelella e i commercialisti Francesco Canzano e Massimo Alfano. Il ruolo di «facilitatore» della transazione sarebbe stato assegnato al commercialista Stefano Quaglia, indagato per concorso in corruzione.

L'indagine degli inquirenti

Alle Fiamme Gialle i primi sospetti erano  venuti quando avevano notato l’avvenuto spostamento della sede legale della Securpol dal Lazio al capoluogo ligure, nonostante l’assenza di tangibili legami tra la società in questione e la città di Genova. Per gli inquirenti  il cambiamento  era  stato messo in atto per mettere la Securpol nella condizione di avere a che fare proprio con Pardini per il contenzioso con l’Agenzia delle Entrate: la discussione di questo caso, per mezzo di un incontro formale tra le due parti in causa, era in programma proprio pochi giorni dopo il «fattaccio» messo in atto nel principale comune del Golfo Paradiso.