Sei anni dopo l’alluvione: “Grazie ancora a tutti”

Cogorno ricorda il 10 novembre del 2014

Sei anni dopo l’alluvione: “Grazie ancora a tutti”
Valli ed entroterra, 10 Novembre 2020 ore 12:29
Come ogni anno, il 10 di Novembre è una data che il Comune di Cogorno non dimenticherà mai. Sei anni fa esatti, San Salvatore di Cogorno fu colpita dalla terribile alluvione con l’esondazione del fiume Entella. Volontari della Protezione Civile nazionale con più di una ventina di squadre, volontari delle pubbliche assistenze locali, semplici cittadini, giovani e meno giovani, tutti con un unico obiettivo: aiutare e ripulire dal fango case, giardini, garage, strade e marciapiedi, aree pubbliche e aree private.
“Il 10 Novembre è una giornata in cui vogliamo richiamare quel senso di responsabilità e di solidarietà che in quei giorni dell’alluvione avevamo ricevuto e che dobbiamo ricordare oggi ancora più fortemente – ha detto il vicesindaco del comune di Cogorno, Enrica Sommariva -. Oggi, possiamo uscire da questo difficile momento di emergenza sanitaria solamente con la responsabilità e l’auto protezione. Stiamo attenti ai nostri comportamenti: come esistono le norme di autoprotezione di protezione civile per salvarci dalle alluvioni, dobbiamo proteggerci da questo virus molto più invisibile e subdolo. Se rispetteremo le norme e i comportamenti da adottare, rispetteremo e aiuteremo il prossimo e solo così riusciremo a superare questo triste momento storico”.
L’invito, in occasione dell’anniversario dell’alluvione è stato ribadito anche durante le celebrazioni del 4 novembre scorso per la Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate: “Rispettiamo le norme e usiamo la testa – ha concluso il vicesindaco Sommariva -. Ricordiamoci di chi ha difeso la nostra Patria e la nostra libertà donandocela. Anche se in maniera minore rispetto all’ora, anche oggi ci viene chiesto questo, per battere definitivamente il virus”.
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità