Sentenza sui “Conti di Lavagna”, pubblicate le motivazioni

Previsto il ricorso in appello da parte dei legali dei condannati

Sentenza sui “Conti di Lavagna”, pubblicate le motivazioni
Chiavari - Lavagna, 05 Ottobre 2019 ore 07:45

Aveva chiesto un mese di proroga per pubblicare le motivazioni della sentenza, ma la Corte del processo sui “Conti di Lavagna” è riuscita a farlo con qualche giorno di anticipo su quel limite prorogato. Si è trattato, del resto, di un procedimento complesso, che ha richiesto quasi un anno solo per la trascrizione di tutte le intercettazioni. Confermata ad ogni modo la sostanza della ricostruzione: l’infiltrazione ‘ndranghetista nel Comune, guidata dai fratelli Nucera e da Francesco Antonio Rodà, con condanne che vanno dagli 8 ai 16 anni di reclusione; e poi gli ex sindaci di Lavagna Gabriella Mondello e Giuseppe Sanguineti, condannati ad un anno e mezzo e due anni, colpevoli di aver partecipato ad un voto di scambio volto a favorire l’associazione mafiosa. Ora, come ricorda il Secolo XIX di oggi, i legali delle difese avranno tempo 45 giorni per studiare le carte e presentare ricorso in appello: intenzione già manifestata tanto dai difensori dei Nucera e Rodà quanto da quelli degli ex sindaci lavagnesi.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: