Cronaca
Il provvedimento

Sestri Levante, divieto di balneazione alla foce del torrente Gromolo

Pervenute segnalazioni sulla presenza di un fenomeno di moria di pesci

Sestri Levante, divieto di balneazione alla foce del torrente Gromolo
Cronaca Sestri - Val Petronio, 13 Settembre 2022 ore 08:47

A seguito di segnalazioni pervenute nella giornata di domenica scorsa, 11 settembre, relative alla presenza di un fenomeno di moria dei pesci osservata alla foce del torrente Gromolo, gli uffici comunali di Sestri Levante si sono attivati per verificare le possibili cause: lo ha comunicato nella giornata di ieri, lunedì 12 settembre, la stessa amministrazione comunale della città dei due mari.

Il dettaglio del comunicato del Comune di Sestri Levante

«Gli uffici hanno immediatamente attivato le verifiche con il gestore della rete fognaria, IREN, coinvolgendo anche ASL e ARPAL - recita il comunicato del Comune di Sestri Levante, diffuso nel primo pomeriggio di ieri, lunedì 12 settembre -. La moria di pesci è probabilmente causata dalla poca acqua presente e stagnante che, insieme all’assenza di precipitazione negli ultimi mesi concomitante con una stagione estiva particolarmente calda, ha determinato una bassa quantità di ossigeno disciolto nelle acque del torrente Gromolo. Dal confronto avuto con ARPAL è stato confermato che i primi giorni di settembre l’Agenzia aveva già registrato valori di ossigeno disciolto particolarmente bassi. La situazione potrebbe essere stata ulteriormente aggravata negli ultimi giorni da uno sversamento fognario verificatosi a monte della foce, risolto dal gestore nella giornata di ieri (giornata di domenica 11 settembre, NdR). Per evitare il persistere di una situazione critica alla foce del Gromolo, è stato condiviso insieme agli enti suddetti di procedere con l’apertura della foce del corso d’acqua e contestuale emissione di un’ordinanza preventiva di divieto di balneazione del tratto focivo. Si prevede di rimuovere il divieto preventivo di balneazione nei prossimi giorni, appena la situazione si sarà normalizzata».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter