Menu
Cerca
il crollo del cimitero di camogli

Solo 10 feretri recuperati. Centinaia sotto 60mila metri cubi di detriti. Altre cappelle a rischio crollo

L'assessore Giampedrone: "Vi è una parte del cuneo in roccia vicino al belvedere che potrebbe essere interessata da ulteriori distacchi"

Solo 10 feretri recuperati. Centinaia sotto 60mila metri cubi di detriti. Altre cappelle a rischio crollo
Cronaca Golfo Paradiso, 23 Febbraio 2021 ore 16:27

Sono soltanto 10 i feretri recuperati finora dopo il crollo del cimitero di Camogli avvenuto ieri pomeriggio. Le altre centinaia di salme tumulate nelle cappelle e nei loculi crollati dopo il cedimento della falesia, a strapiombo sul mare, sono rimasti sepolti sotto una massa enorme di materiale: 60mila metri cubi di terra e roccia sgretolatasi sotto le tombe.

Il meccanismo del crollo dopo le verifiche dal mare di questa mattina

Si è svolto questa mattina il sopralluogo con l’ausilio di droni che Regione Liguria ha messo a disposizione dopo il crollo della falesia avvenuto ieri in corrispondenza del cimitero di Camogli. Oltre al rilievo su tuta l’area è stato anche effettuato un sopralluogo via mare con rilievo fotografico. Questo ha reso possibile verificare il meccanismo del crollo e le eventuali varie evoluzioni del fenomeno. Lo ha comunicato oggi nel corso del punto tecnico effettuato in Comune a Camogli l’assessore regionale alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone che ha partecipato con i tecnici del dipartimento di protezione civile all’incontro.

Altre cappelle in precario equilibrio potrebbero crollare

“Nella parte alta – ha riferito Giampedrone – sono stati evidenziati dei volumi in equilibrio precario su cui insistono alcune cappelle del cimitero e alcuni loculi su cui stiamo ragionando per evitare ulteriori crolli che vanno demoliti in sicurezza. Vi è una parte del cuneo in roccia vicino al belvedere che potrebbe essere interessata da ulteriori distacchi. Vi è poi il tema della strada che è al limite della zona interessata dal dissesto, su cui non sono stati riscontrati particolari problemi, dove in passato il Comune ha realizzato interventi di consolidamento che possono migliorare il livello di stabilità e la zona delle abitazioni che non sono state interessate da fenomeni di dissesto, non diversi da quelli esistenti prima. A questo punto partiremo con il recupero immediato delle salme, lavorando con la massima in sicurezza, attraverso la predisposizioni di pontoni in mare e contiamo che le operazioni possano iniziare anche da domani. Servirà un ulteriore monitoraggio per capire lo stato del cuneo roccioso e anche un monitoraggio in continuo per realizzare interventi nella massima sicurezza”.

Giampedrone: "Recuperare quanto è recuperabile con ausilio di un pontone"

“La giornata odierna – ha spiegato l’assessore regionale – è servita a mettere in campo tutte le azioni possibili che riguardano tre settori: la prima è un’operazione di recupero a mare di quanto è recuperabile, con l’ausilio di un pontone con ditte specializzate che individueremo, e un monitoraggio continuo delle condizioni meteo-marine perché il fatto tempo e l’elemento meteo non sono secondari rispetto alle azioni che dobbiamo intraprendere a mare. Questo non potrà essere un lavoro capillare fino a che lo smontaggio di ciò che è appeso nel cimitero tra le parti pericolose e pericolanti non sarà fatto”.

L’assessore alla Protezione civile di Regione Liguria ha preso contatto anche con il capo dipartimento Nazionale della Protezione civile Angelo Borrelli per cercare di capire la stabilità dello sperone nella parte di levante della frana.

“In quest’opera – ha concluso Giampedrone – ci aiuterà anche la Fondazione Cima, braccio operativo del dipartimento nazionale che abbiamo già utilizzato in altre circostanze e che ha le competenze tecniche per approfondire questa situazione, insieme all’Università di Firenze che abbiamo attivato con il dipartimento nazionale di Protezione civile”.