Sori festeggia il primo matrimonio tra rifugiati

Faith e Ransford hanno pronunciato il loro «sì»

Sori festeggia il primo matrimonio tra rifugiati
Golfo Paradiso, 08 Luglio 2018 ore 16:02

Al borgo il primo matrimonio tra rifugiati. Grande festa a Palazzo, domenica 24 giugno, per il primo matrimonio ‘italiano’ fra 2 richiedenti asilo: Faith e Ransford. Sono ospiti nella struttura di Sussisa.

Sori festeggia il primo matrimonio tra rifugiati

Faith, nigeriana, era stata dapprima ospitata a Camogli, al convento delle suore di Sant’Anna. «La sposa ha fatto parte della nostra comunità Camoglina appena giunta in Italia.- riferisce Suor Rosa, la coordinatrice del progetto d’accoglienza ‘Stella Francescana’ -. Siamo contente che possa aver coronato il suo sogno di costruire la sua bella famiglia. Auguri!». Nel marzo 2016 ha dato alla luce Kevin, il primo nato della «Congregazione delle Suore Missionarie Francescane del Verbo Incarnato», riempiendo di gioia tutta la comunità. Si è poi ricongiunta al compagno ghanese, raggiunto a Sussisa dopo la nascita del bimbo, ma mantenendo ben saldo il legame con Camogli.

Il sindaco Paolo Pezzana ha celebrato il rito civile, con i due sposi emozionati, i loro amici, autorità e i camoglini, tra cui Suor Rosa e la vicepresidente dell’Associazione Camogli Arcobaleno Simona Ceccon. «Un buon matrimonio deve essere creato - ha detto il sindaco – ditevi: ‘ti amo’ almeno una volta al giorno e non datevi per scontati, con attenzioni, obiettivi comuni e reciproci. Con spirito di gioia camminate insieme coltivando anche la pazienza. Siate l'uno per l'altra, la persona giusta». Milvia Moretti, ex amministratore, scrittrice e nonna, impegnata da tempo con la comunità e i volontari soresi, ha chiesto scusa ai due rifugiati: «Scusate se il mondo vi insulta e non vi accoglie. - dice Moretti - Avete lasciato tutto e vi ammiriamo per il coraggio. Ci insegnate che non bisogna arrendersi e il vostro canto è la protesta più forte. Vi regalo un messaggio di pace e giustizia. Siamo tutti corpi e anime uguali». Gli sposi, che continueranno a vivere a Sussisa, hanno ricevuto molti regali, tra cui vari accessori per la loro casa. La festa si è poi trasferita nel giardino dell'asilo Ghio, tra canti e balli e qui si è saputo di un altro imminente matrimonio: l'11 agosto, si sposa Joy, altra giovane accolta a Camogli, dove lavora, che si unisce, come tanto desiderato, al compagno Osas, per crescere finalmente insieme la piccola Olivia, la dolce mascotte di ‘Casa Stella’.