Coronavirus

“Tamponi obbligatori condannano a morte lavoro, commercio e turismo”

L'assessore Berrino si scaglia contro l'ipotesi ventilata dei tamponi obbligatori da e per la Francia

“Tamponi obbligatori condannano a morte lavoro, commercio e turismo”
Chiavari - Lavagna, 30 Agosto 2020 ore 15:50

“L’ipotesi ventilata dal Governo di imporre l’esame del tampone per chi va e viene dalla Francia rischierebbe di danneggiare seriamente il lavoro transfrontaliero e di condannare a morte il commercio e il turismo della provincia di Imperia e della Liguria”. Gianni Berrino, assessore regionale al Lavoro e al Turismo, commenta così la notizia sull’ipotesi di obbligo dei controlli anti-Covid alla frontiera italo-francese annunciato dal sottosegretario alla Salute Sandra Zampa, in seguito alla risalita impressionante del numero di positività giornaliere individuate (ieri oltre 5mila, l’altro ieri oltre 7mila) in Francia.

“Tamponi obbligatori condannano a morte lavoro, commercio e turismo”

“Una vera e propria follia pensando ai tanti nostri lavoratori transfrontalieri che verrebbero praticamente messi nell’impossibilità di continuare a lavorare. Immagino – prosegue Berrino – che al Ministero della Salute neppure abbiano pensato a come sarebbero messe in ginocchio migliaia di famiglie che hanno come principale entrata il lavoro a Montecarlo o in Costa Azzurra.  Inoltre, commercio e turismo della provincia di Imperia avrebbero immense ricadute negative. I francesi vengono nel nostro territorio quotidianamente per far acquisti nei nostri negozi e nei nostri mercati. Ci sono migliaia di clienti giornalieri che portano lavoro nella nostra terra. Tanti scelgono la Liguria anche per passare in serenità il loro tempo libero: le spiagge, i ristoranti, gli hotel della provincia di Imperia hanno da sempre nei francesi i loro primi clienti che sono in tutta la regione primi come numeri di arrivi. In un anno in cui vi sono già immense difficoltà, in cui gli operatori tengono duro, nonostante i lockdown prima e le autostrade impraticabili poi, questa ultima trovata del Governo sembra studiata ad arte per affossare definitivamente la Liguria. Una decisione che, se presa, non possiamo certo accettare”. “Infine, tutto ciò sarebbe una vergogna pensando ai porti che questo insensato Governo lascia aperti all’arrivo di migliaia di migranti da zone in cui i controlli sanitari sono inesistenti”, conclude l’assessore.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità