Menu
Cerca
Coronavirus

Toti: “Chiediamo a Draghi che le consegne dei vaccini siano stabilizzate”

Roma ha comunicato che ad aprile ci saranno meno vaccini di quelli previsti

Toti: “Chiediamo a Draghi che le consegne dei vaccini siano stabilizzate”
Cronaca Chiavari - Lavagna, 21 Marzo 2021 ore 07:25
Il punto di ieri del Presidente della Regione Giovanni Toti sulla pandemia in Liguria: contagio, ospedali, e campagna vaccinale.
“La pressione ospedaliera che resta tutto sommato moderata, tenendo conto della situazione grave che ci circonda, con tante regioni rosse. Ieri l’Istituto Superiore di Sanità ha dato la Liguria a cavallo tra giallo e arancione, ma considerato che comunque il decreto Draghi non prevede zone gialle sul territorio fino a dopo Pasqua, rimarremo arancioni fino a dopo le festività. Purtroppo oggi pomeriggio abbiamo appreso da Roma di un taglio alle consegne del vaccino AstraZeneca per il mese di aprile. Ci rendiamo conto che non è colpa di nessuno, ma noi siamo costretti a riprogrammare per le varie categorie. Per questo ho chiamato il generale Figliuolo e mi ha confermato della difficoltà di Astrazeneca Questo non vuol dire che non attiveremo quello che abbiamo già previsto, cioè l’hub alla Fiera, i punti delle farmacie, i medici di medicina generale, ma dobbiamo rivedere tutto ”. Lo ha comunicato ieri sera il presidente di Regione Liguria nel corso del consueto punto sul Covid.


“In pratica – ha detto Toti – ad aprile riceveremo da AstraZeneca circa 60mila vaccini in meno di quelli previsti, come ci ha comunicato il commissario della Protezione civile, pertanto occorre rifare tutti i conti. Il commissario Figliuolo mi ha comunicato che AstraZeneca è in difficoltà con le consegne e forse potrebbero aumentare i vaccini Pfizer e Moderna, ma al momento non lo sappiamo”.

 

I Dati

 

“Dai dati odierni vediamo che non cresce l’incidenza sul nostro territorio – ha detto Toti – abbiamo fatto 4.481 tamponi molecolari e 2748 antigenici per 458 nuovi positivi che sono in linea con l’incidenza del virus. Fortunatamente la diffusione sta scendendo un po’ a Savona dove oggi c’è stata una crescita dei pazienti ospedalizzati. Noi siamo comunque pronti, a sostenere la ASL 2, anche con le aziende sanitarie vicine. Stabili i pazienti negli ospedali, con 10 in più di cui 9 nel savonese, appunto. Mentre sulla ASL 1 Imperiese c’è stata una decrescita dei numeri. Stabili le terapie intensive a 65 e anche per l’ISS siamo sotto la soglia del 30% di occupazione delle terapie intensive che abbiamo a disposizione per i pazienti Covid. Diminuiscono sensibilmente anche i decessi, a quota 5. Un risultato importante derivante dalla campagna di vaccinazione che ha portato a vaccinare la grandissima maggioranza degli ultra 80enni. Ora stiamo chiamando i pazienti fragili per la presenza di comobirdità e su questi dobbiamo fare tutto il lavoro.

I Vaccini


“Oggi sono stati fatti, tra Pfizer, Moderna e AstraZeneca che è entrata a scartamento ridotto circa 3600 vaccini che per essere un sabato rappresenta un’ ottima misura – ha ribadito Toti – E dalla prossima settimana contiamo di arrivare a 50.0000, vaccini permettendo. Perché è evidente che la notizia della riduzione della consegna delle dose Astrazeneca ha scombinato la programmazione di aprile. Da lunedì comunque inizieranno le vaccinazioni alle categorie prioritarie con i medici di medicina generale e poi aggiungeremo l’hub della Fiera del mare che verrà attivato da lunedì 29 aprile e i punti presso i farmacisti. Ma ricevere la metà dei vaccini previsti è un problema. Io non do colpa a nessuno è evidente che la situazione è molto complicata, ma chiediamo a Draghi di usare tutto il suo peso per stabilizzare le consegne”.

-

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli