Menu
Cerca
IL PUNTO

Toti: “Coronavirus, flessione della curva su tutto il territorio regionale”

Il presidente della Regione: "Per quanto riguarda le scuole se la settimana prossima si confermerà un dato in discesa potremmo arrivare al 75% di presenza in aula alle scuole superiori, che è il limite consentito al momento dalla legge"

Toti: “Coronavirus, flessione della curva su tutto il territorio regionale”
Cronaca Chiavari - Lavagna, 10 Aprile 2021 ore 07:10

“Si chiude una settimana tutto sommato positiva, sia per l’accelerazione nella campagna vaccinale nonostante i fatti relativi alle raccomandazioni sull’utilizzo di AstraZeneca, che resta comunque un vaccino in uso per le categorie raccomandate da Ema e Aifa, sia per quanto riguarda i dati Covid, che senza voler essere eccessivamente ottimisti, mostrano comunque una flessione importante su tutto il territorio regionale. Bene anche i numeri sulle ospedalizzazioni, che mostrano una inversione di tendenza dopo due settimane di costante crescita. Oggi torniamo sensibilmente sotto quota 80 ricoverati in terapia intensiva”. Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti ieri sera ha fatto il punto sulla situazione Coronavirus nella nostra regione.

Scuole

“Per quanto riguarda le scuole – aggiunge Toti – se la settimana prossima si confermerà un dato in discesa potremmo arrivare al 75% di presenza in aula alle scuole superiori, che è il limite consentito al momento dalla legge”.

Decessi

“Oggi (venerdì 9 aprile, ndr) registriamo 15 decessi – prosegue Toti – anche se nel numero di oggi rientrano alcuni casi risalenti a giorni e settimane precedenti a causa di un riallineamento dei sistemi informatici. Questo ovviamente non toglie nulla alla tragicità e al dolore di queste scomparse, ma i dati ci dicono che da questo punto di vista restiamo sotto una media giornaliera di 10 decessi, fatto che ci conferma la bontà delle politiche messe in atto e la capacità di cura dei nostri ospedali”.

Vaccini

“Sul fronte vaccini –aggiunge Toti – siamo al 78% del somministrato sul consegnato e oggi sono stati somministrati 12.446 dosi, e dal 19 aprile verranno somministrate le prime dosi di Johnson&Johnson. A oggi in Liguria ha ricevuto la prima dose il 17,16 % dei residenti, contro una media italiana del 13,8 %. Sulle seconde dosi, invece, la Liguria è al 7,58% contro un 6,1 % di media nazionale. Stiamo compiendo un grande sforzo per accelerare la campagna vaccinale come ci è stato chiesto, al punto che siamo preoccupati di non ricevere abbastanza dosi per sostenere questo ritmo, anche se una prudente politica di gestione delle scorte ci consente in questo momento di proseguire speditamente” .

“È entrato a pieno regime il nuovo centro vaccinale al primo piano del padiglione 3 dell’ospedale San Martino – conclude Toti – dedicato esclusivamente ai pazienti estremamente fragili in cura al policlinico. Il centro vaccinerà in 5 settimane i circa 5000 pazienti di questa categoria al momento in cura all’ospedale”.

Circolazione del virus

Il quadro epidemiologico nella nostra regione nelle scorse settimane è stato piuttosto eterogeneo e caratterizzato, per le province di Imperia e Savona, da un’intensa circolazione del virus. L’incidenza è stata particolarmente significativa per tre settimane consecutive in entrambe le province del ponente ma, grazie alle misure adottate, osserviamo una netta diminuzione con un tasso di incidenza inferiore a 250 casi su 100.000 abitanti ogni settimana. Il report numero 47 conferma indicatori di qualità buoni sia per quanto riguarda la qualità del dato di monitoraggio sia per la capacità di accertamento diagnostico e di gestione dei contatti. L’indice Rt, riferito a 17 giorni fa, è pari a 1.19 e, globalmente, considerata la pressione residuale nei nostri ospedali e l’incidenza sostanzialmente inferiore a 250 casi su 100.000 abitanti, abbiamo un rischio globale da area arancione come gran parte delle regioni italiane.

Ospedali

La diminuzione dell’incidenza si comincia a vedere anche negli ospedali, dopo che in settimana si è registrato ancora un sussulto, con aumento discreto dei ricoveri in terapia intensiva, comunque ben distanti dalle quote della prima e della seconda ondata. Negli ultimi giorni sono scesi i posti letto occupati sia in terapia intensiva che in media intensità.

Anticorpi monoclonali

Tutte le 5 Asl della Liguria hanno avviato l’uso degli anticorpi monoclonali, con un totale di 75 pazienti trattati.