Liguria

Toti: “Liguria tra le prime regioni per vaccini somministrati”

Toti ha ricordato che negli anni scorsi di questi tempi era forte la pressione sugli ospedali a causa dell’influenza stagionale che quest’anno è stata abbattuta anche per l’ampia campagna vaccinale messa in campo

Toti: “Liguria tra le prime regioni per vaccini somministrati”
Cronaca Chiavari - Lavagna, 02 Gennaio 2021 ore 08:58

Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti descrive i risultati positivi sulle vaccinazioni anti-Covid in Liguria.

Le dichiarazioni:

“Anche il primo giorno dell’anno la macchina della sanità ligure è in azione. Oggi è il primo giorno di lavoro dei nuovi vertici della sanità. Un’occasione buona per augurare loro buon lavoro. So che sono in piena attività per fare in modo che prosegua il lavoro in tutti i nostri ospedali”. “Per quanto riguarda i vaccini – ha continuato Toti – Anche oggi stiamo vaccinando e domani saranno di nuovo tutti attivi i luoghi di somministrazione. In Liguria sono già stati somministrati, secondo i dati del report nazionale, oltre il 7% dei vaccini arrivati, mancano ancora i dati di Imperia che faranno salire al 9% il dato delle somministrazioni. Siamo comunque tra le prime sei regioni italiane per vaccini inoculati. Lunedì ci dovrebbe arrivare un ulteriore quantitativo di vaccini e proseguiremo su questa strada.

Nonostante le giornate di festa ieri i tamponi effettuati sono stati 3.505 a cui si sommano il quantitativo di 1.745 tamponi antigenici – ha ricordato Toti – Speriamo che nelle prossime ore si arrivi finalmente a un nuovo metodo di conteggio dei tamponi che tenga conto anche degli antigenici e non solo dei molecolari. Sono 412 i nuovi positivi, crescono di 23 in Liguria a fronte di oltre 5000 tamponi tra antigenici e molecolari. Siamo di fronte a uno scenario abbastanza stabile, tanto più che, nonostante la giornata di festa, nei nostri ospedali si è lavorato molto con 32 pazienti in meno ospedalizzati e 63 in terapia intensiva, uno meno di ieri. Segno che la maggiore circolazione del virus, a causa delle giornate di festa, non sta producendo criticità sui nostri ospedali”.

Toti ha ricordato che negli anni scorsi di questi tempi era forte la pressione sugli ospedali a causa dell’influenza stagionale che quest’anno è stata abbattuta anche per l’ampia campagna vaccinale messa in campo.

“Sicuramente – ha concluso Toti – dopo più di due mesi tornano sotto i 200 i ricoverati all’ospedale San Martino di Genova, un numero simbolico importante. Sono purtroppo 7 i decessi di queste giornate, segno che la malattia continua ancora a circolare nelle nostre città e bisogna quindi mantenere un profilo di grande attenzione. La nostra Rt, l’indice di contagio, viaggia tra 1 e 1,07 secondo l’Istituto Superiore di Sanità. Stiamo sostanzialmente stabili, ma il combinato disposto di tutti i nostri parametri, compreso la discesa dei letti ospedalieri occupati da pazienti Covid, inquadra la nostra regione all’interno di un’area a rischio moderato. In base a questo saremmo in fascia gialla, dopo di che, tutto ciò verrà valutato nelle prossime ore insieme ai tecnici del ministero”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità