Trapianto di fegato con tecnica innovativa grazie ad un lavagnese

Davide Ghinolfi, 42 anni, è chirurgo presso Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

Trapianto di fegato con tecnica innovativa grazie ad un lavagnese
Chiavari - Lavagna, 07 Febbraio 2018 ore 08:00

Il chirurgo Davide Ghinolfi, originario di Lavagna, ha eseguito con un’equipe di medici, il primo trapianto di fegato da donatore a cuore non battente mediante utilizzo del sistema di perfusione normotermica. In ambito internazionale si tratta del primo intervento di questo tipo mai realizzato. Altri centri italiani ed esteri hanno infatti realizzato trapianti di fegato da donatore a cuore non battente, ma nessuno, prima di Ghinolfi e degli altri medici pisani, aveva usato la combinazione delle due procedure, vale a dire anche la perfusione normotermica, una tecnica innovativa che consente di perfondere l’organo del donatore dopo il prelievo con sangue e nutrienti e prim’ancora che sia trapiantato nel ricevente.

Davide Ghinolfi, 42 anni, è chirurgo presso Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

Sabato scorso all’ Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana si è reso disponibile un donatore. Dopo aver prelevato il fegato, l’organo è stato riportato a Pisa dove è stato sottoposto a circa 3 ore di perfusione normotermica prima di essere trapiantato. Ghinolfi, 42 anni, sposato con due figli, da 8 anni lavora presso l’Aoup di Pisa.

Sul prossimo numero in edicola del nostro giornale, servizio dedicato.