Commercio

“Un circuito commerciale per il Natale a Santa”

Questa la proposta presentata da Guglielmo Caversazio per aiutare le attività cittadine

“Un circuito commerciale per il Natale a Santa”
Cronaca Rapallo - Santa Margherita, 29 Novembre 2020 ore 08:05

Un circuito commerciale cittadino per il Natale a Santa Margherita Ligure. E’ questa la proposta avanzata dal gruppo Creuza de Ma-L’Alternativa per Santa, rappresentato in consiglio comunale da Guglielmo Caversazio.

Santa Margherita Ligure

“Se vogliamo far sì che che le nostre comunità sopravvivano alla crisi, unendosi piuttosto che il contrario, è necessario fare acquisti negli esercizi commerciali locali così da permettere un’efficace redistribuzione del reddito. Allo stesso tempo, non bisogna dimenticarsi delle persone più colpite dalla crisi, che rischiano di vivere un natale particolarmente complicato in un anno così sfortunato”.

Per questo, il gruppo di Caversazio ha lanciato la proposta “che speriamo ottenga la massima condivisione possibile, a partire dalle associazioni di commercianti presenti sul territorio. Ci appelliamo altresì al Sindaco, alla maggioranza e alle altre forze di opposizione, perché collaborando possiamo trasformare un’idea in realtà nonostante la strettezza dei tempi. Quello che chiediamo di fare e che sappiamo essere una richiesta già supportata almeno da una parte dei commercianti, è di istituire uno spazio virtuale in cui vengano messi in mostra e resi acquistabili i prodotti del nostro territorio. Non sarà mai come ritrovarsi in piazza ai giardini, ma speriamo possa servire almeno a sostenere il commercio locale. Dall’altra parte, per tutte quelle famiglie per cui il natale diventa, anche e disgraziatamente, un’importante preoccupazione finanziaria, chiediamo venga messo a disposizione un buono spendibile sulla stessa piattaforma”.

Infine, conclude Caversazio:

“Crediamo il Comune debba valutare interventi di sostegno al consumo, limitatamente al periodo della festività, che incentivino l’acquisto. Per esempio, attraverso strumenti di cashback volti a promuovere un programma di scontistica per il consumatore finale, senza però pesare sulle finanze degli esercenti. Lo dicevamo, i tempi sono stretti e bisognerebbe cominciare a lavorare da subito alla proposta affinché diventi operativa il prima possibile, con un termine ultimo fissato ai primissimi giorni di dicembre. I precedenti però esistono e crediamo sia necessario almeno provarci”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità