Un fenicottero rosa nell’oasi dell’Entella

Stanco del viaggio e affamato ha fatto scalo nel Tigullio

Un fenicottero rosa nell’oasi dell’Entella
20 Novembre 2017 ore 15:01

Un’altra sosta particolare all’oasi del fiume Entella. Lunedì 20 novembre ospite inaspettato e gradito è stato  un esemplare di fenicottero rosa, ancora col piumaggio grigiastro per via della giovane età. A riportare l’avvistamento è la Lipu, sezione Tigullio.

Il video dell’avvistamento

Alto 1,50, ha un’apertura alare di 1,80; dalla punta del becco a quella delle zampe raggiunge anche i 2 metri. Si nutre di piccoli crostacei, molluschi, ma anche alghe e frammenti di alghe acquatiche, usando il particolare becco ricurdo come filtro per trattenere il cibo e respngere acqua e fango.

Ecco le suggestive immagini gentilmente concesse da Alina Bertolone.

Una visita inaspettata

 

“In realtà la fiumana bella non è una tappa prevista nella rotta migratoria di questa specie, poiché questi grandi trampolieri partono dalla Camargue, dove sono nati, per dirigersi verso la Corsica e la Sardegna o l’Africa attraversando il mare – spiega Federica Bisanti -. Come era accaduto alcuni anni fa, quando 3 esemplari di fenicottero rosa, anch’essi giovani, si erano fermati sul fiume, anche in questo caso si tratta di un errore di orientamento o per aver smarrito lo stormo. In questi casi, soprattutto i giovani, che ancora non hanno imparato la strada del viaggio, si orientano seguendo la morfologia del litorale”.

Dal Sud della Francia al Tigullio

E così questo giovane dal Sud della Francia è arrivato fino al Tigullio: stanco del viaggio e probabilmente anche affamato ha fatto scalo nell’oasi, trovando un’area ancora non devastata dal cemento e dall’inquinamento.

“Questo a prova dell’importanza di questo habitat per la sopravvivenza di molte specie di avifauna selvatica – conclude Bisanti -. Per consentire a questo giovane di riposarsi tranquillamente per poi riprendere il suo viaggio, si raccomanda di stare distanti, non somministrare cibo, tenere i cani al guinzaglio e non farli accedere alla foce, peraltro vietato dalle leggi che regolamentano il SIC del fiume Entella e non recare alcun disturbo. Ammirandolo e anche fotografandolo a distanza si potrà godere a lungo della permanenza di questo elegante animale”.

(foto di Ursula Cicciarelli)

 

Per le altre notizie clicca qui

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità