Cronaca
IL DOCUMENTO

Un protocollo dedicato alle donne in gravidanza per l'accesso alla gestione sanitaria

Elaborato dal Diar materno-infantile e in corso di attivazione in tutta la Liguria.

Un protocollo dedicato alle donne in gravidanza per l'accesso alla gestione sanitaria
Cronaca Chiavari - Lavagna, 09 Marzo 2020 ore 09:36

Un protocollo di gestione clinica, condiviso a livello regionale, per garantire la presa in carico appropriata della donna in stato di gravidanza, dal momento in cui accede alle strutture sanitarie: è questo il documento, elaborato dal Diar materno-infantile e in corso di attivazione in tutta la Liguria.

Un protocollo in un momento critico e delicato per il nostro Sistema sanitario regionale

In un momento critico e delicato per il nostro Sistema sanitario regionale e non solo, i professionisti liguri hanno voluto garantire sicurezza e continuità assistenziale anche alle donne in gravidanza e durante il parto, attraverso percorsi dedicati.

"Le donne in gravidanza, come tutti noi, possono sviluppare infezioni delle vie respiratorie - comunica Alisa - per questo motivo, il protocollo prevede che il Pronto soccorso ostetrico, di ogni Punto nascita, disponga di un’area di triage che garantisca un luogo di isolamento (stanza con bagno) e personale formato, nonché dotato di idonei dispositivi di protezione individuale".

"Ringrazio il gruppo di lavoro del Diar materno infantile e tutti i professionisti che hanno partecipato alla stesura di questo importante protocollo a tutela della donna in gravidanza, per garantire la massima sicurezza, anche in questo ambito, a tutte le donne che ne avessero bisogno in un momento così delicato della propria vita – sottolinea Sonia Viale, vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria. Il nostro Servizio sanitario, seppur in un momento così critico e impegnativo, non poteva dimenticare i bisogni e le necessità delle future mamme. Colgo l’occasione per ringraziare tutte coloro che sono impegnate per far fronte all’emergenza del nuovo coronavirus".

Sono previsti inoltre, percorsi e protocolli dedicati anche per gli accessi ambulatoriali, per garantire la massima sicurezza a utenti e operatori durante l’accesso e la permanenza nelle strutture sanitarie.