Gli acquarelli di Maria Luisa Castelli allo spazio Carta Bianca

A Chiavari in via Dallorso 10 da sabato 25 novembre fino a domenica 10 dicembre

Gli acquarelli di Maria Luisa Castelli allo spazio Carta Bianca
28 Novembre 2017 ore 11:49

Acquarelli in mostra allo spazio espositivo Carta Bianca di Chiavari: da sabato 25 novembre infatti ospita “Trasparenze e colori” con i lavori di Maria Luisa Castelli. La mostra è aperta in via Dallorso 10 da sabato 25 novembre fino a domenica 10 dicembre, con orario 10-12.30 e 15-19.

Il percorso artistico di Maria Luisa Castelli

Milanese per nascita, domese per adozione, Maria Luisa Castelli vive nel capoluogo ossolano dal 1980. Assai dotata per il disegno fin dall’infanzia, verso i 18 anni inizia a dedicarsi all’arte figurativa, iniziando da autodidatta un percorso pittorico a olio, che la porta ad individuare subito il suo soggetto preferito: le nature morte.

Nature morte ma anche fiori e prodotti della terra

Fiori classici, frutti di stagione, piccoli trini domestici dei prodotti della terra, steli recisi in vasi di vetro, dalle trasparenze rugiadose e mosse, sono i protagonisti indiscussi delle sue ispirazioni artistiche, che Maria Luisa riproporrà anche in seguito, nella tecnica dell’acquerello, le cui tinte delicate sanno dare voce alla sua vena poetica più nostalgica ed intimista.

Dalla fine degli anni ’80 l’avvicinamento all’acquerello

È della fine degli anni ’80 l’avvicinamento al mondo dell’acquerello, una tecnica appresa dall’artista domese Renzo Foglietta, con cui mantiene tuttora un fecondo rapporto di scambio artistico. Dalla lezione del Foglietta, che le è servita per apprendere più i segreti degli equilibri cromatici che non i rapporti prospettici, già ben affinati negli anni precedenti, si è distaccata presto, per approdare a uno stile personale, che accanto al dato cromatico cura molto la precisione dei tratti, la nitidezza dei contorni, l’efficacia dei profili.

Il tempo passato nella cura del particolare

“Lavorare all’acquerello – dice – è per me un momento di divertimento, di distensione, di soddisfazione. Il tempo passato nella cura del particolare, nella ricerca del tratto pulito, è la fonte del mio benessere interiore.”

Numerosi i riconoscimenti

Con il quadro “Acqua all’alpe” è stata inserita nel calendario artistico “Ali Penna d’autore”, con l’acquerello “Amarillis” ha vinto il primo premio al concorso “J Pacian” di Intra nel 2005, nel 2007 è stata premiata al “World web art priz” e nel 2010 ha ricevuto un attestato di merito al Concorso Nazionale di pittura “Premio Ponzano”. Sue opere sono state esposte in collettive in Liguria e il Lombardia, oltre che in diversi paesi della zona in cui vive. Una collettiva in particolare, quella del 2004 al Castello Visconteo di Vigogna, l’ha portata in viaggio premio e in collettiva come finalista a Lançon del Provence. Sono infine da segnalare alcune personali a Milano, Domodossola, Suna, Cannero e a Verbania.

Per Maria Luisa Castelli non solo la passione per il colore

Accanto alla passione per il colore, Maria Luisa Castelli coltiva con successo anche quella per la parola, poetica e prosastica, raffinando l’abilità compositiva nell’ambito letterario nel corso di scrittura creativa tenuto a Verbania nel 1990 dall’autore milanese Davide Pinardi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità