Cultura
Cinema

Il “Morso del Ramarro”, “Dark Town” e “Il Tredicesimo Mese” a Venezia

C'è tanto Tigullio alla Biennale

Il “Morso del Ramarro”, “Dark Town” e “Il Tredicesimo Mese” a Venezia
Cultura Chiavari - Lavagna, 01 Settembre 2021 ore 07:33

La società di produzione cinematografica di Chiavari, Cima Prod, è pronta a sbarcare alla Biennale di Venezia con i teaser dei film “Il Morso del Ramarro” tratto dal libro della scrittrice chiavarese ormai di fama nazionale Valeria Corciolani e altre due importanti produzioni, la serie televisiva gialla/thriller “Dark Town” e il lungometraggio “Il Tredicesimo Mese”.

C'è tanto Tigullio alla Biennale

Il presidente di Cima Prod, Nerio Bergesio, e la regista Lodovica Marini anticipano che il film “Il Morso del Ramarro” è destinato alla proiezione in Italia e all’estero e il genere cinematografico è quello del giallo psicologico. Le riprese si effettueranno dalla metà del mese di settembre fra Chiavari e Sestri Levante e sono previste quattro settimane di girato. Il film inoltre sarà sottotitolato in inglese e in spagnolo e destinato anche al mercato americano. La sceneggiatura ha visto la partecipazione del regista argentino Juan Bautista Stagnaro, già candidato all’Oscar come sceneggiatore per Camilla di Maria Luisa Bemberg, della scrittrice Valeria Corciolani e di Maria Lodovica Marini, nella doppia veste di regista. Sono già stati scelti la troupe e gli attori protagonisti che saranno annunciati ufficialmente proprio al Festival di Venezia. La nostra partecipazione al Festival di Venezia rappresenta una grande opportunità a livello di visibilità e di diffusione del nostro prodotto cinematografico all’interno di un circuito internazionale che solo la vetrina di Venezia è in grado di offrire in termini di valorizzazione artistica e di conoscibilità pubblica. La nostra opera cinematografica è stata in grado di realizzare una forte unione e condivisione fra gli attori e i partecipanti al film creando un enorme valore aggiunto dal punto di vista umano e professionale. Ci teniamo a valorizzare le diverse e specifiche capacità che ogni persona è in grado di apportare per la realizzazione di un’opera sociale condivisa qual è un film. Infatti a partire dall’idea stessa di film fino al suo completo compimento insistono elementi disparati che sono fondamentali per costruire il mosaico e le sfaccettature umano-sociali che renderanno il prodotto finale un’opera unica nel suo genere. Tenetevi pronti a ricevere nostre notizie aggiornate direttamente dal Lido di Venezia appena il Festival avrà inizio!”.