Menu
Cerca

Leonardo Manera apre la sezione di Comic Bazar al Teatro di Cicagna

Domani porterà in scena lo spettacolo Fenomeni Italiani

Leonardo Manera apre la sezione di Comic Bazar al Teatro di Cicagna
Cultura Valli ed entroterra, 12 Ottobre 2018 ore 16:35

Sabato 13 ottobre alle ore 21, apre la sezione di Comic Bazar 2018/2019 uno dei comici storici di Zelig. L’unico che ha partecipato a tutte le edizioni del format, protagonista indiscusso di programmi tv come Paperissima, Quelli che il calcio, Colorado, Ciro e Belli dentro: stiamo parlando di Leonardo Manera che salirà sul palco del Teatro di Cicagna con lo spettacolo “Fenomeni Italiani”.

Il percorso di Manera

«Leonardo Manera ha inventato e scritto ogni volta gag, personaggi o monologhi sempre nuovi e vincenti – spiega il Teatro di Cicagna -. Alcuni suoi personaggi sono diventati particolarmente celebri: va ricordato il ventriloquo Vasco a cui hanno causato “una lesione alla retina”, il mimo Mimmo, il depresso monocorde che invia “Un saluto festoso a tutti”, l’alienato che ripete ossessivamente “Adriana… Adriana”, Piter, parodia del ragazzo della provincia bresciana e Petrektek, insieme a Claudia Penoni nella parodia del cinema polacco. Fino ad arrivare ai più recenti quali Alfio il tassista, Renzo, l’attraente scambista e Batista, imprenditore del Nord Est trasferitosi a produrre nell’Isola Samoa». Dal luglio 2014 conduce su Radio24 “Platone, la caverna dell’informazione”, insieme ad Alessandro Milan. Sensibile anche al sociale, dal settembre 2015 è testimonial ufficiale dell’associazione di volontariato dei City Angels.

Lo spettacolo “Fenomeni Italiani”

Manera in questo spettacolo, analizza in modo disincantato e divertito i “fenomeni italiani” del nostro tempo. Dall’extracomunitario alla ricerca di una difficile integrazione, al giovane prepotente – tecnologico ma incapace di comunicare-, fino allo chef santone, icona dei nostri anni. «Leonardo Manera, con la sua comicità, indaga fino a poter dire “qui c’è il sole”. Non un sole materiale ma un sole interiore, per regalare un sorriso in questa nostra difficile, complicata Italia».