SANTA MARGHERITA LIGURE

Mercoledì 5 agosto si apre la settima edizione di Sant’in Jazz

Giunto alla settima edizione, organizzato dell’Associazione Musicale Limelight con la direzione artistica di Rodolfo Cervetto e Stan Caracciolo.

Mercoledì 5 agosto si apre la settima edizione di Sant’in Jazz
Rapallo - Santa Margherita, 03 Agosto 2020 ore 13:28

Ritorna anche quest’anno, a Santa Margherita Ligure, Sant’in Jazz, giunto alla settima edizione, organizzato dell’Associazione Musicale Limelight con la direzione artistica di Rodolfo Cervetto e Stan Caracciolo.

Gli appuntamenti della rassegna a ingresso libero

Primo appuntamento della rassegna (a ingresso libero sino a esaurimento posti) mercoledì 5 agosto alle ore 21.30, all’anfiteatro Bindi dei giardini a mare di piazza Martiri della Libertà, con “Il filo della storia”, jazz: a lezione d’emozione, parte prima, con Simona Bondanza (voce), Dado Moroni (pianoforte), Dino Cerruti (contrabbasso), Rodolfo Cervetto (batteria), con la narrazione di Guido Festinese e le immagini di Maurizio Logiacco.

Il “filo della storia” è il contenitore che accoglierà tutti i futuri capitoli del percorso di jazz: a lezione d’emozione, ogni volta presentando nuovi percorsi di luce su quella storia, su quelle storie.

Guido Festinese ha cercato e scritto le storie, Rodolfo Cervetto alla batteria, Simona Bondanza alla voce, Dado Moroni al piano, Dino Cerruti al contrabbasso, consueti ed affidabilissimi compagni di palco, rilanceranno la trama delle note che hanno ispirato quelle storie. Con le immagini di Maurizio Logiacco. Un viaggio, non didascalico, sul filo della storia.

Giovedì 6 agosto alle 21.30, sempre all’anfiteatro Bindi dei giardini a mare di piazza Martiri della Libertà, esibizione del Susanna Massetti Quartet feat. Humberto Amesquita. Sul palco Susanna Massetti (voce), Humberto Amésquita (trombone), Simone Cosso (chitarra), Emanuele Valente (contrabbasso) e Giorgio Griffa (batteria).

Il programma della serata prevede un viaggio alla scoperta degli standard che hanno accompagnato i grandi film. Il jazz è infatti da sempre un genere vicino alle colonne sonore, sin dalle origini, sin dai tempi di Smile in Tempi moderni di Chaplin, ma con questo concerto la sfida è quella di attualizzare brani che, nella loro veste originale, rimangono legati indissolubilmente alle immagini che hanno accompagnato. Al quartetto che si esibirà si aggiunge, come ospite per la serata, Humberto Amésquita, definito dalla rivista italiana «Jazzit» uno dei dieci trombonisti stranieri più popolari al mondo.

La rassegna Sant’in Jazz a Santa Margherita Ligure proseguirà a settembre, venerdì 11 agosto con “Italian dixie six” (Paolo Tomelleri, Francesco Licitra e Alfredo Ferrario alle ance, Claudio Nisi al tuba, Massimo Caracca alla batteria e Stan Caracciolo al banjo) e sabato 12 con “Milano swingtet” (Alfredo Ferrario al clarinetto, Marco Bianchi al vibrafono, Roberto Piccolo al contrabbasso e Stan Caracciolo alla chitarra). Ospite d’onore sarà Sophia Tomelleri al sax tenore.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità