A Framura e Riva Trigoso

Parte il progetto speciale di Officine Papge dedicato a Asimov

Distanze e fantascienza a Nuove Terre: appuntamenti martedì 18 e mercoledì 19 agosto

Parte il progetto speciale di Officine Papge dedicato a Asimov
Sestri - Val Petronio, 17 Agosto 2020 ore 09:25

Officine Papage presenta in Liguria il primo capitolo del nuovo progetto speciale dedicato a Isaac Asimov, un appuntamento fantascientifico immaginato per riflettere sul nostro presente.

Il progetto

La drammaturgia di Mariagiulia Colace (giovane autrice e attrice protagonista di alcuni degli ultimi spettacoli di Emma Dante), è nata da un’idea di Marco Pasquinucci e Caterina Simonelli, che ne sono anche gli interpreti. Il progetto, declinato in 3 diversi spettacoli, si intitola “Distanze Possibili” e, riflettendo sulle nuove e discusse opportunità dell’esplosione telematica sperimentata in questi mesi di emergenza, vuole misurare la distanza tra il presente e un possibile nostro futuro. Una distanza che definisce il percorso minimo tra due punti necessario ad aprire le porte del sogno. Una distanza che è possibilità: possibilità di immaginare, inventare e creare insieme.

Prima tappa a Framura martedì 18, poi a Riva Trigoso mercoledì 19

Il viaggio fantascientifico comincia a Framura martedì 18 agosto con un doppio appuntamento: Soliloqui positronici (ore 19), una carrellata di monologhi ispirati ai personaggi creati dall’autore di Io Robot, e Il fuorigioco di Orione ovvero Partitella di pallone per fuggire alla morte (ore 22), in cui si immagina che un misterioso direttivo di psicologi e ingegneri sottoponga un intero paese a un esperimento sulla felicità.

La kermesse continua a Riva Trigoso mercoledì 19 con un altro evento targato Papage: Rebecca, una regia di Marco Pasquinucci tratta dal romanzo La vita accanto di M.Pia Veladiano. Creato con la collaborazione dei giovani che hanno collaborato all’organizzazione di Nuove Terre in questi ultimi anni, lo spettacolo è dedicato alla distanza tra sogno e realtà.

Gli spettacoli nel dettaglio

Martedì 18 agosto / Loc. Costa, piazza della Chiesa – FRAMURA 

(Ingresso libero)

Progetto speciale di Officine Papage

DISTANZE POSSIBILI

Drammaturgia di Mariagiulia Colace

Con Marco Pasquinucci e Caterina Simonelli

(Prima assoluta)

“Il punto è che la finzione ci ha consentito non solo di immaginare le cose, ma di farlo collettivamente.” [Yuval Noah Harari]

Ore.19.00 – SOLILOQUI POSITRONICI 

Omaggio a Isaac Asimov

Isaac Asimov, autore pilastro della fantascienza e teorizzatore delle tre leggi della robotica, attraverso i suoi robot ci parla di umanità. Perché i robot sono così intriganti? Come fa il metallo a farci sentire così umani? E soprattutto, cosa invidia, all’uomo, una macchina perfetta? Mik-28, Robbie, Susan Calvin e gli altri: Asimov ci racconta di robot che sembrano umani e umani che sembrano robot. Questi monologhi vogliono essere un omaggio ad alcuni dei personaggi creati dall’autore.

Ore 22.00 – IL FUORIGIOCO DI ORIONE 

Ovvero partitella di pallone per sfuggire alla morte

Se potessimo riprogrammarci, così come si fa con le macchine, cosa cambieremmo in noi stessi? Se ognuno di noi potesse avere un se stesso bambino davanti, cosa gli raccomanderebbe per diventare un adulto felice? Un intero paese ha preso parte a un esperimento. Le indicazioni lasciate sono poche. “LORO” un misterioso direttivo composto da psicologi, ingegneri e scienziati hanno consegnato a ciascun individuo un bambino robot. Unica comanda “rendeteli felici”. Marco e Caterina – due dei cittadini che prendono parte dell’esperimento – preparano il necessario per il primo test previsto dal programma, fanno i conti con la propria umanità e si chiedono: come si misura la felicità?

Le tre leggi della Robotica di Isaac Asimov:

1 – Un robot non può recar danno a un essere umano né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, un essere umano riceva danno. 2 – Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, purché tali ordini non vadano in contrasto alla Prima Legge. 3 – Un robot deve proteggere la propria esistenza, purché la salvaguardia di essa non contrasti con la Prima o con la Seconda Legge. Ma se potesse davvero pensare, un Robot, se potesse sviare alle tre leggi della robotica ipotizzate da Asimov e dire quello che pensa, cosa direbbe? Potrebbe mai provare invidia per un essere umano?

Mercoledì 19 agosto ore 18.00 – ore 20.30 – ore 22.00 / Sagrato della Chiesa di San Pietro – RIVA TRIGOSO

(Ingresso libero)

REBECCA

Liberamente ispirato al romanzo La vita accanto di M.Pia Veladiano

Progetto speciale OFFICINE PAPAGE

Con Dario Furini, Emanuele Niego, Matteo Budassi

i ragazzi in formazione del progetto Nuove Terre

Regia di Marco Pasquinucci

 

Rebecca parla calma guardandoti negli occhi, Rebecca sorride, sceglie le parole giuste. Rebecca non ha timori: racconta la sua storia, con grazia, con pazienza, con cura. A volte Rebecca è poesia.

Rebecca è una donna brutta, proprio brutta, non è storpia, per cui non fa nemmeno pietà. Ha tutti i pezzi al loro posto, però appena più in là: o più corti, o più lunghi, o più grandi di quello che ci si aspetta. L’elenco non ha senso, non rende. Una donna, un mistero di famiglia; delicato e inconfessabile.

Uno spettacolo ma anche un progetto dedicato ai giovani che per anni hanno partecipato a Nuove Terre seguendo le attività di alternanza scuola-lavoro. Il percorso di tutoraggio – che ha offerto ai ragazzi occasioni di apprendimento diretto sul campo e che ha visto nascere il Raccontafestival® – diventa per il primo anno anche un cantiere di formazione artistica professionale. Un debutto speciale che va in scena sul bellissimo sagrato della Chiesa di San Pietro a Riva Trigoso. Si ringrazia don Mauro per la gentile ospitalità.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità