Premio Dallorso, al via la cerimonia a Lavagna in ricordo dello scultore recentemente scomparso

Dalle 15.30 in poi, presso l’Auditorium Campodonico: tutta la cittadinanza è invitata

Premio Dallorso, al via la cerimonia a Lavagna in ricordo dello scultore recentemente scomparso
Chiavari - Lavagna, 30 Marzo 2019 ore 08:30

Si terrà dalle 15.30 in poi, oggi presso l’Auditorium Campodonico di Lavagna, la cerimonia di premiazione della quinta edizione del “Premio Francesco Dallorso”.

Il premio dedicato ai giovani talenti del comprensorio

“Questa edizione che già in partenza è particolarmente sentita da tutti i partecipanti per la recente scomparsa del maestro Francesco Dallorso, vedrà alcuni cambiamenti e novità nella sua fase conclusiva – spiegano gli organizzatori -. Quest’anno le categorie in gara, pur restando cinque, sono modificate rispetto alle solite premiate nel corso di questi anni. Sempre più infatti arrivano all’attenzione dei giudici progetti multimediali e fotografie, tanto che è stato necessario creare due categorie nuove che affiancassero le più classiche Letteratura, Arte e Sport”.

I giudici di categoria che si sono impegnati nella valutazione di tutti i lavori presentati dai ragazzi sono stati per Arte e Fotografia Maurizio “Bibi” Vaccarezza che ha affiancato il vincitore della scorsa edizione Michele De Robertis; Francesco Brunetti e il giovane Gianluca Scalera per le categorie Letteratura e Progettualità Multimediale; Evro Margarita e il nuotatore Alberto Razzetti per la categoria Sport. Verrà poi anche quest’anno consegnata una targa speciale che Agorà ha voluto dedicare ad un candidato tra quelli partecipanti al Premio che grazie alla sua opera e impegno ha particolarmente colpito il direttivo dell’associazione. Tutti i vincitori, come ad ogni edizione, verranno svelati soltanto nel corso della cerimonia di premiazione per cui non mancate a questa quinta edizione ricca di sorprese ed emozioni in ricordo del grande maestro Francesco Dallorso.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità