Cultura
la ricorrenza

Primo maggio, ecco come nasce la festa dei lavoratori

La rivolta degli operai oltreoceano che arrivò in tutto il mondo

Primo maggio, ecco come nasce la festa dei lavoratori
Cultura Chiavari - Lavagna, 01 Maggio 2021 ore 11:41

Il 1 maggio è in molti paesi del mondo la festa dei lavoratori, o festa del lavoro. Un ricorrenza che si celebra nello stesso giorno oltre che in Italia anche a Cuba, Cina, Messico, Turchia e in diversi Stati dell’Unione Europea. Non negli Stati Uniti dove il “Labor Day si festeggia il primo lunedì di settembre anche se è proprio in America, a Chicago, che nella seconda metà dell’800 ebbero luogo i fatti all’origine della festa del lavoro. La festa dei lavori che si celebra il 1 maggio ha, infatti, origini nel 1886 a Chicago dove fu approvata la prima legge delle 8 ore lavorative giornaliere. La legge entrò in vigore un anno più tardi, il 1 maggio del 1887 giorno nel quale fu organizzata un’importante manifestazione. La notizie arrivò anche in Europa dove nei primi giorni del settembre del 1864 era nata a Londra la “Prima Internazionale” ovvero l’Associazione internazionale dei lavoratori vicina ai primi movimenti socialisti e marxisti dell’epoca.

Lo slogan dei lavoratori

Lo slogan dei lavoratori coniato in Australia nel 1855 era “8 ore di lavoro, 8 ore di svago e 8 ore per dormire”. Tre anni prima che venisse ratificata la festa del lavoratori, il 1 maggio del 1886 a Chicago i sindacati organizzarono uno sciopero generale per rivendicare migliori e più umane condizioni di lavoro per gli operai. A metà 800 infatti una giornata di lavoro durava dalle 12 alle 16 ore la sicurezza non era contemplata e i morti sul lavoro non venivano neppure conteggiati. La protesta indetta dai sindacati che chiedevano la riduzione della giornata di lavoro a 8 ore durò 4 giorni che culminò il 3 maggio con una carica della polizia dopo che gli operai si diedero appuntamento davanti ad una fabbrica di mietitrici per protestare contro i licenziamenti. L’attaccò provocò diversi morti e feriti.

La diffusione della festa del i lavoratori nel mondo

Le notizie degli eventi tragici di Chicago si estesero anche in altri stati di tutto il continente americano, per poi estendersi anche in Europa. La data del 1º maggio fu adottata ad esempio in Canada, soltanto nel 1894, sebbene il concetto di festa del lavoro sia in questo caso riferita a precedenti marce di lavoratori tenutesi a Toronto e Ottawa nel 1872.

Al Congresso Internazionale di Parigi del 1889, che diede il via alla Seconda Internazionale, il giorno 1º maggio fu dichiarato ufficialmente come la Festa Internazionale dei Lavoratori, e fu adottata da molti paesi nel mondo.
Dall’altra parte dell’emisfero terrestre, come ad esempio in Australia, la commemorazione ricorda la “Festa delle Otto Ore” (lavorative). La commemorazione fu poi ripresa anche dal mondo cattolico: il 1º maggio 1955, papa Pio XII istituì per tutta la Chiesa cattolica la festa di San Giuseppe lavoratore, perché tale data potesse essere condivisa a pieno titolo anche dai lavoratori cattolici.