“Talenti e Ribelli”, il nuovo libro del sestrese Matteo Rizzi

Una delle 40 figure più influenti dei FinTech (innovazione in servizi finanziari) in Europa, torna nella sua città natale

“Talenti e Ribelli”, il nuovo libro del sestrese Matteo Rizzi
Sestri - Val Petronio, 17 Gennaio 2020 ore 16:06

Domani alle ore 17, presso la Sala Agave del Centro Congressi dell’Annunziata, nella bellissima Baia del Silenzio di Sestri Levante; il sestrese Matteo Rizzi, una delle 40 figure più influenti dei FinTech (innovazione in servizi finanziari) in Europa, torna nella sua città natale, per presentare il suo ultimo libro “Talenti e Ribelli – Gestire gli irrequieti dell’innovazione”.

“Talenti e Ribelli”, il nuovo libro del sestrese Matteo Rizzi

Numerosi sono stati i successi di Matteo Rizzi. Un passato aziendale importante in SWIFT (13 anni) e dal 2013: investitore (per quattro fondi diversi, attualmente NEVA FinVentures e SG Ventures), imprenditore (fondato FinTechStage, che si occupa di programmi di innovazione in tutto il mondo) e autore (FinTech Revolution 2016, edito da EGEA, e Talenti&Ribelli 2019 – in Inglese e Italiano – edito da HOEPLI) oltre che speaker in eventi e conferenze in più di 30 paesi. Il sestrese talentuoso racconta così il suo volume: «Dietro ogni grande successo, ma soprattutto all’origine di ogni grande fallimento ci sono persone che sono state valorizzate o emarginate. I talenti stanno all’innovazione incrementale (fare un po’ meglio quello che si e’ sempre fatto, per un’azienda) come i ribelli stanno alla sopravvivenza del vostro business, qualunque esso sia. Si parla continuamente dei “nuovi mestieri”, oggi parleremo di “nuovi talenti”, che non sono supereroi o da mettere su un piedistallo, ma risorse diverse che vanno riconosciute, apprezzate, gestite e – soprattutto – capite».

La presentazione avrà come ospiti: la Sindaca di Sestri Levante, Valentina Ghio, Maurizio Vedovati di Ulrico Hoepli Editore e Serena Torielli, Co-Founder Virtual B.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità