Menu
Cerca

Torna a Portofino “Clip”: la sfida tra i migliori talenti della lirica internazionale

Dal 23 al 27 luglio cinque giorni di competizione e grande musica a Portofino, palcoscenico per i 138 cantanti in gara

Torna a Portofino “Clip”: la sfida tra i migliori talenti della lirica internazionale
Cultura Rapallo - Santa Margherita, 05 Luglio 2018 ore 15:28

Al via dal 23 al 27 luglio la quarta edizione del Concorso Lirico Internazionale di Portofino CLIP, l’appuntamento che dal 2015 ogni estate porta nel borgo ligure i più straordinari talenti della lirica mondiale.

“Clip” a Portofino

Perù, Australia, Islanda, Azerbajan, Sud Africa e Filippine sono solo alcuni dei 35 paesi da cui provengono i 138 cantanti in gara quest’anno, fortunati prescelti dalla direzione artistica che, per la prima volta nella storia di CLIP, ha dovuto fare una selezione dato il numero record di richieste ricevute: 283 in totale da 48 paesi, più del doppio rispetto alle precedenti edizioni. Hanno cinque giorni per mettersi alla prova davanti a una giuria internazionale d’eccezione, durante i quali, come per magia, Portofino si trasforma in un grande palcoscenico dove le arie d’opera più celebri e belle risuonano in ogni angolo regalando emozioni uniche e atmosfere incantate.

Il format di CLIP, ormai consolidato e di successo, prevede cinque appuntamenti, tutti aperti al pubblico: lunedì 23, martedì 24 e mercoledì 25 al Teatrino di Portofino eliminatorie e semifinale, giovedì 26 alle 18.00 finale nella bellissima Villa Durazzo a Santa Margherita Ligure e venerdì 27 il grande concerto dei vincitori con l’Orchestra Toscanini di Parma in Piazzetta.

Ideato e organizzato dall’associazione culturale “Giovanni Bottesini” di Crema con il fondamentale sostegno di Banca Aletti, Kaguar Range Rover e Brioschi Editore con il patrocinio del Comune di Portofino e del Comune di Santa Margherita Ligure, CLIP mette in palio 16.000 euro complessivi fra primo, secondo, terzo classificato e premi speciali e dà ai partecipanti l’opportunità concreta di lavorare nei grandi teatri italiani ed europei, a cui quest’anno si aggiunge anche il New National Theatre di Tokyo.

Sin dalla prima edizione è infatti condizione imprescindibile per i giurati offrire l’opportunità di firmare contratti per i teatri che rappresentano, creando così un filo diretto tra il concorso e il mondo lavorativo.