Menu
Cerca

Turismo, nel Tigullio serve unità

Il punto dell'assessore alla Promozione della città di Chiavari, Gianluca Ratto, dopo la fiera di Rimini e il tavolo sul turismo voluto dal sindaco di Sestri Valentina Ghio

Turismo, nel Tigullio serve unità
Cultura Chiavari - Lavagna, 11 Novembre 2018 ore 15:32

Settimana di incontri e di lavoro per il turismo di Chiavari e del Tigullio.

Oltre all’importante tre giorni a “TTG Incontri” di Rimini, il Comune di Chiavari ha partecipato all’ex Convento dell’Annunziata di Sestri Levante, mercoledì 17 ottobre, al primo “Tavolo sul Turismo nel Tigullio”, indetto dalla sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio.

Soddisfazione per l’intesa settimana di lavoro da parte dell’assessore alla Promozione della Città, Gianluca Ratto: «Alla fiera del turismo abbiamo avuto modo di “ascoltare” il mercato e di capire quali sono le priorità da affrontare – racconta -. C’è sicuramente bisogno di tanto lavoro. Non possiamo più vivere di rendita e puntare alla qualità soltanto a parole. E’ l’ora di svoltare e tutti insieme, pubblico e privato, dobbiamo sensibilizzarci e sensibilizzare per una alta qualità dell’offerta altrimenti il turista, nelle mete di qualità, sceglierà altre destinazioni».

Tra le priorità la lotta all’abusivismo: «Dobbiamo in questo essere tutti uguali, non solo in termini di concorrenza ma anche di sicurezza. Dobbiamo sapere chi soggiorna, e chi si prende la responsabilità di farlo senza raccogliere le generalità dell’ospite, forse ignora un bel pò di cose. Con l’adesione al Patto Strategico per il Turismo della Regione, grazie all’introduzione della tassa di soggiorno, investiremo in promozione e decoro i 120 mila euro incassati».

Positivo, infine il primo incontro del Tavolo del Turismo: «Il Tavolo va nella direzione auspicata di avere un territorio da Moneglia a Camogli sempre più unito nei fatti e non più solo a parole. Servono un brand che non sia solo un nome, e servizi condivisi, promozione del territorio, calendari di eventi concordati almeno per i più importanti».