Viaggio tra gli ex voto di Camogli: ogni quadro è un romanzo, ma con uomini veri

Nel chiostro del Santuario del Boschetto si ripercorre la storia di Camogli

Viaggio tra gli ex voto di Camogli: ogni quadro è un romanzo, ma con uomini veri
Cultura Golfo Paradiso, 29 Giugno 2018 ore 07:45

“Ogni quadro è un romanzo, ma con uomini veri della Camogli dell’ottocento”. Questo il messaggio di Farida Simonetti, alla presentazione del nuovo allestimento degli ex voto restaurati col benestare della Soprintendenza realizzato con l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona.

Al Boschetto le celebrazioni per il 500mo anno dell’apparizione della Madonna ad Angela Schiaffino

Siamo al Boschetto, nel chiostro del Santuario, dove sono cominciate le celebrazioni per il 500mo anno dall’apparizione ad Angela Schiaffino, della Vergine. In concomitanza con ‘InMare Festival 2018’, da venerdì 29 giugno alle 18, nel suggestivo spazio, il nuovo allestimento è curato ancora da Farida Simonetti, direttore della Galleria di Palazzo Spinola, che già nel 1992 diresse il restauro dei dipinti. All’anteprima di giovedì 28 giugno, anche il benvenuto del rettore don Franco Marra, il vicesindaco Elisabetta Anversa, Fabrizio Fancello, presidente del Comitato “500 Anni Apparizione Nostra Signora del Boschetto” che organizza i festeggiamenti per l’anniversario dell’Apparizione. “Tutto nacque nel settembre 2015 – spiega Fancello – chiesi a Simonetti se volesse ripetere l’esperienza del ‘92: era proprio il 26 giugno”.

Un lavoro di squadra

Tra i contributi significativi: quello dei Lions e dell’ex vicesindaco Elisabetta Caviglia; circa 90 studenti, in particolare la V, anno 2017-2018 e professori del Nautico Colombo, con Mirella Jacopi, vicaria, coordinati da Bruno Sacella direttore del Museo Marinaro; lo storico Roberto Figari; Alessandra Cabella della Soprintendenza. “Non avrei potuto iniziare meglio la mia delega ad un assessorato così importante – dice Anversa.- A Caviglia va il merito di questo risultato davvero eccezionale. Da amante dell’arte ritengo questa esposizione utile anche per gli studiosi”.

Nel chiostro c’è anche un’area didattica

Il progetto è stato determinante anche grazie al contributo dei Lions Club Golfo Paradiso, rappresentato da Giancarlo Tanfani: nel chiostro c’è un’area didattica per ospitare laboratori e conferenze, dedicata ai benefattori scomparsi Giuliano Capece e Gianni Carbone. “In questi laboratori – spiega Tanfani – i ragazzi del Nautico spiegano alle scolaresche, ma anche agli adulti e turisti, le tecniche dell’antica marineria dell’epoca”.

La novità: Mario Cassinelli, decano del mare, mostrerà i nodi marinari a chi arriva in visita al museo.

“Nel 92 – spiega Simonetti -avevo evidenziato i pittori di questi ex vuoto, strumento per rivivere la storia dell’epoca, oggi invece è protagonista la loro storia. Spero nell’efficacia di questo allestimento dove ogni quadro è un romanzo, con gli uomini veri dell’800”.

I testi del percorso sono di Pro Schiaffino e il contributo di Sacella.

Un vero e proprio viaggio nella storia: le sezioni

Le sezioni: la fede; gli autori; gli uomini; le rotte: individuate dai ragazzi del Nautico con estrema precisione, sino ai mari della Birmania e la Cina (così lontano si spinsero i camoglini ); i commerci.

Tutta la magnifica storia della “Città dei 1000 bianchi velieri”, prima dell’arrivo delle navi a vapore e l’apertura del Canale di Suez, è racchiusa al Boschetto. Quando rientravano, i lupi di mare andavano lì, a ringraziare la Madonna che li aveva ricondotti a casa.

Tante le altre realtà camogline coinvolte nell’iniziativa: la Società Capitani e Macchinisti Navali; il Rotary Club Portofino; i Trasporti Marittimi Turistici “Golfo Paradiso”; la Lega Navale; l’Associazione Marevivo; il Club Vela; il Gruppo Sportivo Camogli – Canoa Club; il Canoarium. “Un grazie anche a Cristina Chiaiso, che ha coordinato il tutto. A breve i testi presenti nell’allestimento saranno tradotti in inglese” spiegano gli organizzatori.

 

Domenica 8 luglio, alle 21,30: “Magnificat” di Alda Merini con Arianna Scomegna, organizzato dal Teatro Sociale nell’ambito di ‘InMare Festival’. Dalle 21: visita agli ex voto. Mostra aperta ogni sabato dalle 9 alle 11,30 e su prenotazione presso il Museo Marinaro Gio Bono Ferrari (tel. 0185/729049)

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli