Gli studenti del Caboto promuovono la lettura fra i più giovani

I liceali diventano bibliotecari per i più piccoli: un esempio di alternanza scuola-lavoro non solo formativa, ma anche utile

Gli studenti del Caboto promuovono la lettura fra i più giovani
13 Dicembre 2017 ore 10:08

È iniziato, e prosegue con successo, il progetto di alternanza scuola-lavoro ideato dall’Istituto di Istruzione Superiore “Giovanni Caboto” di Chiavari, tendente a promuovere la lettura fra i più giovani.

Alternanza scuola-lavoro all’insegna della cultura tra giovani e giovanissimi

Coadiuvati dalla prof.ssa Valeria Ghiorsi, gli studenti della V B, affiancati da alcuni della II e III B, si recano alla Scuola Primaria “Riboli” per svolgere un’attività di prestito librario e di accoglienza dei bambini che si recano in biblioteca.

Le maestre, in incontro preparatorio, hanno spiegato ai ragazzi le modalità del prestito e della resa dei libri e dell’accoglienza da riservare ai bambini . Il servizio durerà sino a Giugno e prevede l’alternanza di due alunni di classi diverse, seguendo un programma che gli studenti più grandi hanno preparato.

Un aspetto metodologico particolare, è una sorta di tutoraggio fra gli studenti: chi ha vissuto questa esperienza spiegherà concretamente il servizio da svolgere ai principianti che, a loro volta, diventeranno poi tutor degli altri.

«Dinanzi alle critiche cui spesso, in questi tempi, il progetto alternanza scuola-lavoro è investito – afferma con soddisfazione il Dirigente Scolastico Glauco Berrettoni – è importante sottolineare la positività di un progetto come questo che, da una parte, immette operativamente gli studenti in un ambito lavorativo reale e, dall’altra, come possa concretamente servire, per i più piccoli, a favorire un positivo approccio alla lettura oggigiorno sempre più snobbata: chi si abitua a leggere da piccolo, con buona probabilità continuerà a farlo anche da adulto».

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: