Il Caboto commemora la Shoah

Laura Agazzi, Alfredo Bettati e Yari Demartini sono gli studenti vincitori del concorso indetto dalla Regione, ma il programma di attività del Caboto sulla memoria dell'Olocausto non si ferma qui

Il Caboto commemora la Shoah
Chiavari - Lavagna, 23 Gennaio 2020 ore 15:14

Tre vincitori al Concorso sulla Shoah indetto dalla Regione Liguria: Laura Agazzi, Alfredo Bettati e Yari Demartini che, accompagnati dal Dirigente del Caboto Glauco Berrettoni e dai docenti Valeria Ghiorsi ed Alessandro Zunino, sono stati ricevuti in Sala Rossa, in Regione, per partecipare al pellegrinaggio in Polonia in ricordo della tragedia dell’Olocausto.

Il Caboto commemora la Shoah

Ma il percorso non si fermerà qui: il 28 Gennaio la 4 A, la 5 A e 5 B accompagnati dai docenti Allesina, Belli, Ghiorsi e De Bello visiteranno il Memoriale della Shoah di Milano, area museale in ricordo delle vittime dell’Olocausto e, il 29 Gennaio, il Caboto sarà presente con le sue classi all’Auditorium di Chiavari, alla visione di “La guerra non è mia”, incentrato sulle vicende di Lodovico Portesine, Alpino della classe 1918, raccontate dal figlio, l’attore Paolo Portesine. Il 30 Gennaio, poi, due classi con i docente Fattore, Melani e Raffeghello saranno al Cinema Mignon di Chiavari per la trasmissione del film Anna Frank – Vite parallele, nel quale Helen Mirren ripercorre attraverso le pagine del diario la vita di Anne e la storia di 5 donne che, da bambine e adolescenti, sono state deportate nei campi di concentramento ma sono sopravvissute alla Shoah.

«L’importanza di non dimenticare e di trasmettere il senso della tragedia alle giovani generazioni è centrale nei momenti formativi della scuola: se anche la Shoah non è sicuramente l’unico dramma partorito nella storia, uniche sono state la sua progettazione e la sua attuazione, che hanno visto una tecnologia scientista al servizio dell’ideologia», afferma il Dirigente Scolastico Glauco Berrettoni.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo: