Sì dell’Ufficio Scolastico regionale alla nuova sezione di prima media a Casarza

Muzio esprime la propria soddisfazione: «Utile a prevenire la dispersione scolastica ed il sovraffollamento delle aule»

Sì dell’Ufficio Scolastico regionale alla nuova sezione di prima media a Casarza
07 Settembre 2017 ore 12:38

Claudio Muzio, già Sindaco di Casarza Ligure, esprime soddisfazione per l’istituzione di una nuova sezione di prima media nella città che amministrava prima di sbarcare in Regione.

La nuova sezione di prima media eviterà il sovraffollamento e limiterà la dispersione scolastica

«Il via libera dell’Ufficio Scolastico regionale ad un’ulteriore sezione di prima media a Casarza Ligure è un’ottima notizia per gli alunni, gli insegnanti e le famiglie della Val Petronio. La quarta sezione consentirà infatti all’Istituto Comprensivo “Fabrizio De Andrè” da un lato di evitare il sovraffollamento delle aule, con tutto ciò che ne consegue in termini di didattica, sicurezza e fruibilità, dall’altro lato di prevenire la probabile dispersione scolastica verso altre realtà». È quanto dichiara Claudio Muzio, Consigliere regionale di Forza Italia e Segretario dell’Ufficio di Presidenza.

«La richiesta di istituire questa nuova classe – prosegue – è nata da esigenze reali ed oggettive del territorio, documentate dall’alto numero di iscrizioni: è per questo che, facendo seguito alle lettere inviatemi dal Sindaco e dall’Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Casarza Ligure, Giovanni Stagnaro e Mirella Biasotti, e dal Dirigente Scolastico dell’Istituto ‘De Andrè’, prof.ssa Sara Bandini, nella mia veste di Consigliere regionale e Segretario dell’Ufficio di Presidenza mi sono attivato affinché tale richiesta potesse essere soddisfatta».

«Desidero perciò ringraziare – conclude Muzio – l’Assessore regionale Ilaria Cavo e il Dirigente regionale del Settore Istruzione, dott. Michele Scarrone, per la loro pronta presa in carico del problema, e i Dirigenti dell’Ufficio Scolastico regionale per la decisione assunta».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità