Politica
Casarza Ligure

"Alle parole devono seguire i fatti: un impegno costante. Sentieri, pulizie dei rii, recupero delle acque"

Germana Perego, candidata a sindaco, spiega il motivo del tour delle frazioni affrontato nei giorni precedenti

"Alle parole devono seguire i fatti: un impegno costante. Sentieri, pulizie dei rii, recupero delle acque"
Politica Sestri - Val Petronio, 26 Settembre 2021 ore 17:03

“Abbiamo deciso di partire dalle frazioni, nei luoghi dove il tema del dissesto e dell'abbandono del territorio sono più sentiti, per portare avanti le nostre proposte su uno dei punti centrali del programma: la cura del territorio. Per questo serve che il nostro Comune cambi passo su questo tema e costruisca una nuova prospettiva per il territorio.” Così Germana Perego, candidata a Sindaco per Casarza spiega il motivo del tour delle frazioni affrontato nei giorni precedenti.

I problemi nelle frazioni

"In tutte le frazioni abbiamo riscontrato gli stessi problemi dovuta alla poca cura quotidiana. Gli abitanti lamentano disagi dovuti al dissesto idrogeologico, ai sentieri impercorribili, ai problemi di viabilità e di pochi parcheggi. Siamo in una piccola realtà, come può Casarza sopportare ancora tutto questo traffico pesante? Qualcuno ci dice che era stato promesso un parco giochi per i bambini, ma scopriamo presto che di promesse ne sono state fatte molte, troppe. Perché la presenza sul territorio è fondamentale, ma a questa deve corrispondere immediatamente una concretezza che gli stessi cittadini non trovano", commenta la candidata.

Nel programma di Prospettiva civica il tema della lotta al dissesto idrogeologico è predominante: piano strutturato e cura quotidiana. Agli argini franati, alle tubature pericolanti e agli smottamenti devono corrispondere azioni immediate.
La programmazione, poi, di incontri periodici con le frazioni perché i migliori osservatori dei lavori fatti, promessi o necessari, sono proprio i cittadini, oltre che dei referenti di quartiere.

Inoltre, un tema, apparentemente semplice - la pulizia dei rii e dei torrenti: un aspetto per cui ogni anno ci debba essere un piano concreto, discusso e partecipato con la cittadinanza, che consenta di prevenire il più possibile i danni della stagione delle piogge. I soldi impiegati nella prevenzione magari non creano tanto effetto, perché non si vedono, ma sono ben spesi, perché evitano frane, smottamenti, allagamenti.

“E per questo proporremo un piano serio concreto di investimenti sulla tenuta del territorio.”

La tenuta del territorio è anche la tenuta delle comunità che la vivono, l'utilizzo di storie e tradizioni per fare innovazione: il tema del recupero delle acque, al ruolo dei consorzi irrigui, al fatto che una  tradizione possa essere rinnovata per le vasche antincendio ad esempio e per l'irrigazione delle aree verdi e pubbliche dei Comuni.

“E poi - continua Germana Perego-  la tenuta del territorio è anche renderlo vivo: i sentieri, i boschi, la rete del nostro territorio è sempre più ben tenuta quanto più è attiva, attrattiva e vivibile.
Il recupero della rete della sentieristica, collegata al rilancio di questo settore che c'è in questi anni, significa creare le condizioni per un territorio più monitorato e più bello e pulito. È un'occasione di lavoro e anche una occasione di creazione di associazioni e di rete di persone che si possono prendere cura del territorio.”